Ora i profughi andranno a scuola di Resistenza

Nel Pisano per i richiedenti asilo vengono organizzati corsi di storia patria. Ma loro li snobbano: "Vorremmo lavorare"

Ora i profughi andranno a scuola di Resistenza

Ci sono anche le lezioni di storia della Resistenza, tra i corsi proposti agli immigrati ospitati nei comuni del Pisano.

Come racconta La Nazione, il Movimento Shalom, "capofila di cooperative e misericordie", ha organizzato un "corso di cittadinanza globale" per centocinquanta richiedenti asilo sparsi nella provincia. Tra le varie materie proposte agli stranieri, corsi di cucina e musica, informatica e sartoria, ma anche la storia della Resistenza.

"È un capitolo fondamentale del Paese che li sta ospitando, le radici della nostra democrazia, è la storia di quanti lottarono per la libertà a costo della vita e senza darsi alla fuga", spiegano dalla comunità Shalom.

Il punto, chiosa il quotidiano toscano, è però un altro. Pachistani e bengalesi sembrano piuttosto disinteressati ai dettagli della guerra di Liberazione: "Ci interessa lavorare, al massimo vogliamo fare il corso di cucina", sembra essere l'opinione più diffusa.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti