Ora Sarah incontra Ratzinger: "Non ci sono malintesi"

Il cardinal Robert Sarah, dopo le polemiche sul libro con Ratzinger, ha incontrato Benedetto XVI. Nessun "malinteso" tra i due

Il cardinal Robert Sarah si è recato ieri sera dal papa emerito Joseph Ratzinger. Sullo sfondo c'è il "libro gate" del Vaticano, che tanto ha fatto discutere nel corso della settimana. Ma tra i due autori, stando a quanto ripercorso dal porporato africano su Facebook, non c'è alcun "malinteso". Anzi, il duo conservatore continua a concordare sulla non opportunità di abolire il celibato sacerdotale. Molti, in specie nel mondo progressista, hanno provato a mettere in discussione l'effettiva condivisione del progetto librario da parte di Ratzinger. Quasi come se Sarah si fosse inventato tutto di sana pianta. Ma non è affatto così. E il prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti lo ha dimostrato mediante la pubblicazione di una serie di documenti via Twitter. Il perché, a un certo punto di questa vicenda, l'entourage ratzingeriano abbia richiesto la rimozione della firma, resta un mistero.

L'alto ecclesiastico guineano, dopo aver rimarcato la natura "nauseabonda" di alcune delle polemiche seguite al caso, ha raccontato di un'armonia d'intenti: "Con il papa emerito Benedetto XVI abbiamo potuto constatare quanto non ci siano malintesi tra di noi. Sono uscito molto felice, pieno di pace e coraggio di questo bellissimo colloquio". Benedetto XVI, insomma, non avrebbe avuto nulla da ridire. Nel frattempo "Dal Profondo del Nostro Cuore", che è stato pubblicato Oltralpe, sta rispettando le aspettative, facendo parlare di sé per il numero delle vendite, oltre che per il contenuto: "Vi chiamo a leggere e meditare dalle profondità dei nostri cuori. Ringrazio calorosamente il mio editore, Nicolas Diat, così come la casa fayard, per il rigore, la probità, la serietà, e la professionalità di cui hanno dato prova. Ottima lettura a tutti", ha concluso nel suo intervento social il cardinal Robert Sarah, che non cede dunque neppure un centimetro alle rimostranze di chi avrebbe voluto metterlo in difficoltà.

L'opera libraria, intanto, verrà pubblicata anche in Italia dalle edizioni Cantagalli. Di abolizione del celibato sacerdotale, comunque sia, si parlerà ancora. L'esortazione apostolica di Papa Francesco, che seguirà i lavori sinodali panamazzonici, dovrebbe contenere alcune eccezioni. Il cardinale brasiliano Claudio Hummes, attraverso una lettera, ha già avvisato tutti gli episcopati della Chiesa universale dell'imminente pubblicazione. E i vescovi tedeschi hanno aperto un ragionamento interno sulla possibilità che una riforma dell'ordine sacerdotale possa essere utile a fronteggiare la crisi delle vocazioni. Ma Bergoglio non dovrebbe abolire il celibato sacerdotale. Il Santo Padre ha dichiarato di non essere disposto ad assecondare un progetto di quel tipo. La posizione del Papa è stata ribadita anche dalla Santa Sede, poco dopo la notizia del libro di Ratzinger e Sarah.

Dalle prossime edizioni in poi, però, "Dal Profondo del Nostro Cuore", potrebbe essere presentare questa dicitura: un libro di Robert Sarah, con un "contributo" di Joseph Ratzinger. Vedremo. Intanto l'incontro chiarificatore tra due dei protagonisti di questa vicenda è avvenuto. E di malintesi, con ogni probabilità, non si sentirà più parlare.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.