Ordisce stupro di gruppo per punire la moglie che gli ha chiesto il divorzio

Ha organizzato una violenza sessuale di gruppo ai danni della giovane moglie straniera da cui si stava separando: in manette un 40enne

Per punire sua moglie, dalla quale stava divorziando, un uomo avrebbe organizzato uno stupro di gruppo ai suoi danni. La barbarie a Colico, in provincia di Lecco, dove il 40enne colpevole di aver ordito l'agguato sessuale è stato arrestato dall'Arma dei Carabinieri.

Si tratta, da quanto emerge dalla stampa locale, di un noto professionista del posto, sposato con una giovane ragazza straniera, e spesso in viaggio per lavoro. Il Giorno, infatti, scrive che il responsabile è stato denunciato dalla compagna alle forze dell'ordine e ora sul caso stanno indagando i magistrati della Procura e del Tribunale dei minori di Milano. Le toghe, infatti, hanno fatto domanda, ottenendola, per un mandato di cattura ai danni del 40enne, accusato peraltro di maltrattamenti e violenze fisiche anche ai danni del figlio.

Il figlio dell'ex coppia, che sarebbe appunto vittima di maltrattamenti da parte del papà, è un bimbo che frequenta le scuole elementari.

Il padre di famiglia sotto accusa, arrestato dai militari della Benemerita, è stato condotto in carcere: attualmente, infatti, si trova in cella nel carcere di a Pescarenico, sempre nel lecchese. Qui è sorvegliato costantemente a vista dagli agenti della polizia penitenziaria, per scongiurare il rischio che possa essere assalito dagli altri detenuti della prigione. Che in questi casi, come noto, cercano di fare giustizia sommaria.

La donna straniera si è recata dalla polizia, raccontando le violenze subite tra le mura domestiche, su tutte quello stupro di gruppo. Una folle, assurda e brutale vendetta per quel divorzio che l'ex compagno non avrebbe mai digerito. E, purtroppo, non sarebbe questo il primo caso registrato in Italia negli ultimi tempi in cui la gelosia prende il sopravvento portando a tali gesti estremi e criminali, per la mancanza accettazione della fine di una relazione sentimentale.

La sua testimonianza choc sarebbe stata così ricca di dettagli e riferimenti che ha immediatamente e totalmente convinto gli inquirenti, spingendoli ad agire nel più breve tempo possibile. E così i militari di Colico hanno raggiunto a casa il 40enne per notificargli la misura a suo carico, trasferendolo nella casa circondariale di Pescarenico.

Insieme all'uomo ci sono anche altri indagati, che avrebbero appunto partecipato allo stupro di gruppo ai danni della donna. I magistrati impegnati nelle indagini mantengono il massimo riserbo vista l'assoluta delicatezza del caso, che vede coinvolto anche un bambino, figlio dell'ex coppia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Gio, 21/11/2019 - 13:49

Poveri immigrati. Le nostre usanze saranno le loro.

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Gio, 21/11/2019 - 14:08

Angelo libero vorresti far ridere, invece fai cagare. Vedi il bicchiere mezzo pieno, almeno come lassativo vai bene.

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 21/11/2019 - 14:09

ANGELO LIBERO 70 Gio, 21/11/2019 - 13:49 1 a 100.000

Alessio84

Gio, 21/11/2019 - 18:32

Se è vero, è disgustoso e i colpevoli si meritano una pena severissima. Se è vero. Le accuse di questo tipo, infatti, si rivelano false in un numero elevato di casi anche quando sono stupri "normali" qui invece abbiamo un tizio che ha convinto addirittura altre persone, non arrabbiate come lui, a commettere un reato grave. E' almeno un delinquente, i cui amici saranno delinquenti anche lui? No, è un noto professionista. Aggiungiamo pure che la coppia è in fase di divorzio, quindi una bella accoppiata di "violenza sessuale" e "maltratta nostro figlio" è la scusa classica per ottenere casa e mantenimento, e se fra 3 o 4 anni si scopre che era una bugia, ormai il figlio è affezzionato alla mamma quindi tanti saluti. Si, insomma.... meglio andarci con cautela. Nonostante la carica emotiva, mai credere a qualcuno solo perchè è il primo a lanciare un'accusa.

buonaparte

Gio, 21/11/2019 - 19:40

IO ASPETTEREI LE INDAGINI PRIMA DI TRARRE CONCLUSIONI E SPARARE SULL'UOMO

ziobeppe1951

Gio, 21/11/2019 - 20:05

Povero itagliano non avrà gli stessi benefici delle risorse

Mauritzss

Gio, 21/11/2019 - 20:36

ANGELO LIBERO 70... E allora è bene che ognuno si tenga le sue. E a casa propria !!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 22/11/2019 - 01:18

Era un professionista, peggio se fosse stato un militare graduato ed avesse chiamato il suo reggimento.

Ritratto di navajo

navajo

Ven, 22/11/2019 - 10:10

Ma quale ANGELOLIBERO, solo un trinariciuto impastoiato dalla sua lercia ideologia komunista.