Il Papa: "Mai ricevuto richieste udienza da Salvini". E lui: "Sarei onorato di incontrarlo"

Poi l'appello di Francesco alla politica: "Non seminate odio"

Il Papa: "Mai ricevuto richieste udienza da Salvini". E lui: "Sarei onorato di incontrarlo"

Papa Francesco non ha mai rifiutato di ricevere Matteo Salvini, semplicemente perché non c'è mai stata una richiesta di udienza. Durante la conferenza stampa sul volo di rientro a Roma, il Pontefice tenta di mettere un punto alle infinite speculazioni su un suo mancato incontro con il vicepremier leghista. "Nessuno del governo, eccetto il premier Conte, ha chiesto udienza", spiega, precisando che la richiesta va fatta alla Segreteria di Stato: il premier Conte ha seguito il protocollo ed è stato ricevuto. Il Papa impiega poche ma belle parole per raccontare il faccia a faccia con il presidente del Consiglio: "È stata una bella udienza. È un uomo intelligente, un professore, sa di che cosa parla. Dal vicepremier e da altri ministri non ho ricevuto richieste", insiste. Come ogni volta, sul governo, Bergoglio non entra nel merito e, a proposito del largo uso di simboli religiosi durante la campagna elettorale del leader del Carroccio glissa, confessando di "non capire la politica italiana": "È vero che devo studiare…", afferma.

Un commento un po' più esplicito, però, se lo lascia sfuggire: "Dobbiamo aiutare i politici a essere onesti, a non fare campagna con bandiere disoneste". Il successore di Pietro condanna l'uso di calunnie, diffamazioni, scandali e, soprattutto, esorta a non fomentare intolleranze: "Un politico mai, mai deve seminare odio e paura, soltanto speranza". Con la recrudescenza dei nazionalismi e dei sovranismi, il pensiero del Papa va a Nonna Europa: "Si è invecchiata, ha perso l'impulso a lavorare assieme". La casa comune ha bisogno, sostiene, di ritrovare se stessa, superare le divisioni: "Stiamo vedendo delle frontiere, e questo non fa bene. È vero che ognuno dei Paesi ha la sua cultura e deve custodirla, ma con la mistica del poliedro: si rispettano le culture di tutti, ma tutti uniti". Imparare dalla storia è un imperativo. Oggi non sono le bombe a minare il sogno europeo, ma le ideologie: "Non si lasci vincere dal pessimismo", sollecita, pensando al Vecchio Continente diviso e belligerante del '14, del '33, del '39. "Non cadiamo nello stesso buco".

La risposta del diretto interessato non si è fatta attendere. "Ho letto cose surreali, che il Papa si rifiuta di incontrare Salvini. Io non ho mai chiesto un incontro perché il Papa ha tanti impegni, ne sarei onorato e felice, ho solo da imparare. Non mi è stato negato un incontro perché non l'ho mai richiesto. Lo farò sicuramente e lo farò senza dirlo pubblicamente. Se il Papa ritenesse di concedermi 5 minuti del suo tempo, per me sarebbe un onore", ha spiegato Salvini intervenendo a Non è l'Arena su La7.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti