Parma, docenti contro il logo del liceo: "È fascista"

Il nuovo logo, una civetta con le ali spiegate, era stato proposto dai rappresentanti d'Istituto del liceo classico Romagnosi, ma secondo alcuni docenti ricordava troppo l'aquila fascista della Repubblica Sociale Italiana. Gli studenti sono tornati quindi al vecchio logo

Parma, docenti contro il logo del liceo: "È fascista"

A Parma è scoppiata una polemica clamorosa: tutta colpa di semplice disegno che era stato pensato dai rappresentanti d'Istituto del liceo classico Romagnosi, da utilizzare come nuovo logo per la loro scuola.

Il disegno, una civetta con le ali spiegate, è stato sonoramente bocciato da alcuni docenti della scuola perchè, a sentir loro, sarebbe "fascista". I professori vedrebbero infatti delle somiglianze con l'aquila utilizzata ai tempi della Repubblica Sociale Italiana, anche per via della disposizione delle ali del volatile.

Jacopo Rosa, attuale coordinatore provinciale dei giovani di Forza Italia nonchè ex studente del liceo Romagnosi di Parma, commenta con amarezza la notizia sul suo profilo Facebook: "Come ex Rappresentante d'Istituto del Liceo Classico Romagnosi sono profondamente disgustato dal comportamento di alcuni docenti nei confronti degli attuali rappresentanti. Mi avevano insegnato che il Liceo Classico, prima ancora di essere una scuola come le altre, fosse un luogo di confronto e di cultura, non di repressione e censura fondate sul sospetto. Queste ultime sono, come mi hanno sempre detto, contrapposte ai valori su cui si fonda lo stesso Liceo Classico. Questa paura folle di qualcosa che la storia stessa ha già condannato ed estinto ha sempre spinto molti insegnanti a non guardare con oggettività e senso critico la realtà, prerequisiti fondamentali per affrontare lo studio di qualsiasi materia (così mi hanno insegnato al Romagnosi). Accusare dei ragazzi innocenti e boicottare la realizzazione del merchandising d'istituto per la convinzione che il logo proposto richiami quello della Repubblica Sociale Italiana è un fatto gravissimo che non può certo passare "sotto l'uscio". Sarebbe ora che molti docenti (trinariciuti) si rendessero conto che il '68 e lo stesso fascismo sono passati da un pezzo! Visto quanto amavo quel luogo, è un grande dispiacere per me venire a conoscenza di tali vicende".

Nel frattempo però, vista la mole di polemiche, gli studenti hanno pensato di ritirare il nuovo simbolo e rimettendo quello utilizzato lo scorso anno.

Commenti