E ora il parroco sposa 2 donne: "Garantiamo i diritti di tutti"

Il parroco della comunità di Sant'Oreste, in provincia di Roma, ha celebrato il rito civile tra le due donne indossando la fascia tricolore

E ora il parroco sposa 2 donne: "Garantiamo i diritti di tutti"

Un parroco celebra, in veste di sindaco, il matrimonio tra due donne e la notizia desta subito grande scalpore. Una circostanza a dir poco singolare quella che coinvolge il prete della comunità cattolica di Sant'Oreste, piccola cittadina alle porte di Roma, alle prese con un evento a dir poco epocale.

Se non diventerà la consuetudine, di certo, queste nozze segneranno una svolta quasi storica per la Chiesa. Protagonista della vicenda è il sarcedote della parrocchia di San Lorenzo Martire che ha espresso la volontà di legittimare l'unione civile tra due donne vestendo, per l'occasione, i panni di primo cittadino del piccolo comune capitolino. Così, sull'abito talare, il presbitero ha indossato la fascia tricolore per officiare il rito con tutti i crismi del caso.

Stando a quanto riferisce l'Adnkronos, i fatti risalgono risalgono a domenica 11 luglio. Il matrimonio si è svolto a Sant'Oreste, comune della provincia di Roma con poco più di 3.600 anime. A pochi giorni dalla celebrazione, il parroco si è recato dal sindaco Valentina Pini, eletta con una lista civica, affinché gli concedesse la possibilità di esaudire il suo desiderio e per la gioia delle due spose che, si presume, abbiano formulato richiesta esplicita della celebrazione ''sui generis''.

A raccontare l'episodio è proprio il primo cittadino del cittadina capitolina. "Il parroco mi ha chiesto di potere avere la delega per sposare le due donne perché è prerogativa del sindaco concederla e, nella volontà di non ledere i diritti di nessuno, gliela ho data", spiega Valentina Pini all'agenzia stampa. "La cerimonia è avvenuta in Comune", conferma ancora il primo cittadino di Sant'Oreste tenendo a precisare anche che "avendo una certa confidenza col parroco ho detto pure di valutare l'opportunità di questa cerimonia. Ecco come sono andate le cose". Per la Chiesa, un conto sono i diritti, altro conto il matrimonio, sacramento riconosciuto in quanto tale solo tra un uomo e una donna. Le donne unite civilmente da un sacerdote sono cattoliche? "Non so se lo hanno fatto a titolo religioso o per amicizia - conclude Pini -. Io ho concesso la delega solo nella volontà di non ledere i diritti di nessuno".