Pedofilia, la testimonianza choc: "Abusata da prete a 11 anni, volevo morire"

La donna ha testimoniato davanti ai capi delle Conferenze episcopali riuniti a Roma, in Vaticano, per discutere della piaga degli abusi contro i minori compiuti da religiosi cattolici

La testimonianza di una donna, che da bambina è stata vittima di pedofilia da parte di un sacerdote, scuote le mura del Vaticano durante il summit che riunisce i capo delle Conferenza episcopali.

Come riporta Adnkronos, queste sono le parole con cui la donna ha raccontato la sua orribile vicenda personale. "Volevo raccontarvi di quand'ero bambina. Ma è inutile farlo perché a 11 anni un sacerdote della mia parrocchia ha distrutto la mia vita. Da allora io, che adoravo i colori e facevo capriole sui prati spensierata, non sono più esistita. Restano invece incise nei miei occhi, nelle orecchie, nel naso, nel corpo, nell'anima tutte le volte in cui lui bloccava me bambina con una forza sovrumana: io mi anestetizzavo, restavo in apnea, uscivo dal mio corpo, cercavo disperatamente con gli occhi una finestra per guardare fuori, in attesa che tutto finisse".

Una testimonianza agghiacciante, che segna in maniera definitiva il vertice voluto da Papa Francesco per discutere di una delle piaghe che dilania da troppo tempo la Chiesa cattolica: la pedofilia. Le parole della donna, che squarciano un velo di silenzio durato per decenni, fanno capire più di tante parole il dramma delle vittime. E la donna ha spiegato ai vescovi che ci ha messo più di 40 anni per raccontare tutto, perché è una situazione che ti distrugge dall'interno.

"Ma come potevo io, bambina, capire ciò che era accaduto? Pensavo: 'sarà stata sicuramente colpa mia!' o 'mi sarò meritata questo male?'. Questi pensieri sono le più grandi lacerazioni che l'abuso e l'abusatore ti insinuano nel cuore, più delle ferite stesse che lacerano il corpo. Sentivo di non valere ormai più nulla, neppure di esistere. Volevo solo morire: ci ho provato... non ci sono riuscita. L'abuso è continuato per cinque anni. Nessuno se n'è accorto. Mentre io non parlavo, il mio corpo ha iniziato a farlo: disturbi alimentari, ospedalizzazioni varie: tutto urlava il mio star male mentre io, completamente sola, tacevo il mio dolore".

Una vita distrutta dagli abusi del pedofilo. Cinque anni di dolori, silenzi e vergogna che non sono mai passati per la donna. "Continuo un durissimo percorso di rielaborazione che non ha scorciatoie, che richiede un'enorme costanza per ricostruire in me identità, dignità e fede. [...] L'abuso crea un danno immediato, ma non solo: più difficile è fare i conti ogni giorno, con quel vissuto che ti invade e si presenta nei momenti più improbabili. Ci dovrai convivere, sempre!". E intanto la Santa Sede inizia a mettere in atto le prime mosse per arginare il fenomeno ma soprattutto per dare alle vittime la possibilità di parlare. La Chiesa ha infatti deciso di dare vita a diversi sportelli per l'ascolto delle persone abusate. E la Congregazione per la Dottrina della Fede ha dato il via a un vademecum per denunciare gli abusi di pedofilia rivolti sia ai religiosi che ai laici. Monsignor Charles Scicluna, segretario aggiunto della Congregazione aveva dichiarato prima del summit in conferenza stampa in Vaticano: "Noi non smetteremo mai di sperare che sia la volta giusta per risolvere il problema. Se non lo è, bisogna riprovare. Non bisogna mai mollare, io non mollerò mai".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.