Pisa, migranti occupano la strada: "Non vogliamo spesa a domicilio"

A segnalare la vicenda il commissario comunale della lega di San Giuliano Terme, l'avvocato Giovanni Frullano, che presenterà denuncia alla Procura della Repubblica di Pisa ricordando che il blocco stradale in Italia è un reato e che le leggi non valgono solamente per gli italiani

In tutti questi anni la cronaca ci ha regalato diversi casi di proteste, più o meno lecite, di migranti ospiti nei vari centri d'accoglienza situati lungo tutto lo Stivale: da quelle per le mancate concessioni di tv satellitari, passando per la mancata erogazione del cosidetto "pocket money" - ossia i soldi destinati agli ospiti di questi centri - e via discorrendo. Ma la pandemia da coronavirus che sta costringendo a restare a casa miliardi di persone in tutto il globo terrestre ha generato una nuova rivolta, avvenuta un paio di giorni fa e con tanto di occupazione stradale, da parte di alcuni immigrati ospiti in una struttura gestita da privati sito a San Giuliano Terme, comune in provincia di Pisa.

Secondo quanto riportato dal quotidiano locale Qui News Pisa infatti il comune toscano ha deciso di interrompere per tutta la durata dell'emergenza sanitaria l'erogazione dei buoni pasto - così da evitare che gli stranieri uscissero ogni volta per andare a consumare i buoni da qualche parte - e sostituendoli con un comodo servizio di spesa a domicilio, di modo che gli extracomunitari potessero mangiare restando comodamente nella struttura sita in via del Cottolengo. Da qui la rivolta, sfociata come detto in un vero proprio blocco stradale di via Lenin, da parte dei migranti, che hanno invece avanzato il diritto di continuare a consumare i loro pasti dove meglio avrebbero voluto, in barba ai decreti governativi atti a contenere la diffusione della pandemia da Covid-19.

Sul grave episodio è intervenuto l'avvocato Giovanni Frullano, commissario comunale della Lega, che dopo aver riassunto l'accaduto ha aggiunto: "Le regole da prevenzione epidemiologica non valgono solo per i cittadini italiani ma per “chiunque” si trovi in Italia. Gli uomini sono tutti uguali ed anche la legge vale per chiunque senza nessuna distinzione. Questa protesta è sfociata in un blocco stradale le cui immagini sono state fedelmente riportate dalla stampa.".

Frullano ha poi ricordato che nel nostro Paese l'occupazione delle strade è un reato e per questo motivo presenterà personalmente una denuncia presso la Procura della Repubblica di Pisa in merito ai fatti accaduti: "Se questi sono i risultati dell’integrazione, dobbiamo certamente preoccuparci e non avere speranze: assembramenti generanti pericolo d’epidemia e strada bloccata perché si chiede il rispetto di prescrizioni che gli italiani stanno osservando con grandi sacrifici" - ha concluso non senza un pizzico d'amarezza il rappresentante del carroccio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

amedeov

Gio, 09/04/2020 - 10:12

Ma lo sa l'avvocato Frullano che i clandestini hanno L'IMMUNITA' INTERNAZIONALE e pertanto possono fare quello che vogliono? Bisognerebbe denunciare chi li ha fatti entrare in Italia

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 09/04/2020 - 10:21

loro possono,vero ex presidenta e sinistroidi???

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 09/04/2020 - 10:22

quella gentaglia non hanno ancora capito che le leggi in italia vanno rispettate..ma se nessuno interviene,il problema non solo rimane,ma crea precedenti pericolosi!! noi tappati in casa con le mascherine e a compilare moduli..loro liberi di infettare a piacimento

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 09/04/2020 - 10:28

tra quando vedremo l'esercito italiano impiegare per espellere battaglioni di stranieri clandestini o regolari e recidivi? :-) perchè se li rimandiamo indietro, la sanità migliorerebbe, e potrebbe curare coloro che hanno piu diritto, e che sono quelli che pagano le tasse!!!

Ritratto di Adespota

Adespota

Gio, 09/04/2020 - 10:35

Molti cittadini italiani sarebbero lieti di ricevere il pasto gratis a domicilio. Il che mi fa pensare che per loro uscire per consumare il cibo sia motivo anche per fare dell'altro, magari non proprio legale. Penso male, vero sinistrati ?

Giorgio5819

Gio, 09/04/2020 - 10:37

IL MINISTERO DELL'INTERNO SI DEVE DARE UNA SVEGLIATA.

Ritratto di wombat

wombat

Gio, 09/04/2020 - 10:41

MAI perche' siete un popolo di flosci .Esattamente come i ponti che crollono

steacanessa

Gio, 09/04/2020 - 10:46

Poveri piccoli. Abituati a ciondolare tutto il giorno e liberi di scegliersi il posto di ristoro volete costringerli al ritiro come gli Italiani? Giammai, occupazione libera.

Papilla47

Gio, 09/04/2020 - 11:04

Il ministro ha altro da fare e da studiare. In primis come poter colpire al meglio chi ha osato alzare la voce.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 09/04/2020 - 11:19

Toh,i ROSSI toscani si sono accorti di essersi castrati da soli con l'accoglienza indiscriminata di clandestini che a tutto pensano tranne che rispettare leggi e costumi di chi li ha accolti. Meglio tardi che mai. Per intanto,avrete un bel po' di gatte da pelare quindi,BUON DIVERTIMENTO!!!!

giancristi

Gio, 09/04/2020 - 11:25

Ma questa odiosa gente può fare ciò che vuole! Le leggi valgono solo per gli italiani!

Una-mattina-mi-...

Gio, 09/04/2020 - 11:33

DATE LA SPESA AGLI ITALIANI IN DIFFICOLTA', E VEDRETE CHE L'ACCETTANO RINGRAZIANDO GENTILMENTE. CHE I PASCIUTI VITELLONI SI ARRANGINO E TORNINO DA DOVE VENGONO. NESSUNO LI HA RICHIESTI