Polizia, cosa c'è dietro il video che non vogliono farvi vedere

Il Garante "preoccupato" dal filmato. Ecco cos'era il corso e di cosa si è occupato. Gli organizzatori: "La polemica è assurda"

"La polemica del Garante mi sembra assurda". Gli organizzatori del corso per la polizia penitenziaria finito nella bufera politica non si capacitano di come il fuoco sia divampato. Doveva raccontare un’attività di rilievo, un addestramento per gli agenti. E invece il filmato "molto fisico" ha sollevato alcune perplessità. "Preoccupazioni" che avrebbero spinto il Garante nazionale dei detenuti, Mauro Palma, a chiedere spiegazioni al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

Tutto nasce con la pubblicazione online del video intitolato "Polizia, oltre il penitenziario" (guarda qui) in cui si vedono alcune scene salienti di un corso di formazione sul campo. Il Corriere parla di "un’immagine del Corpo poco dedita al rapporto con i detenuti e molto più simile a una sezione d’intervento per operazioni speciali". E un po' si scandalizza per le "armi in bella mostra", per "l'allenamento fisico in stile marines" e il "tiro al bersaglio". Nemmeno fossero una scolaresca. Il Garante, visto il filmato, si sarebbe preoccupato "per la visione che se ne ricava della funzione degli agenti di custodia e il tipo di approccio al loro lavoro".

"La verità è un’altra" dice però al Giornale.it Vincenzo Vanni, della Omnia Secura Accademy che ha erogato il corso. Intanto non si tratta di uno spot generico, ma di un video che racconta una attività autorizzata dal provveditorato regionale dell’Amministrazione Penitenziaria della Lombardia e che ha visto coinvolti alcuni ispettori (“gente non di primo pelo”) del carcere di Opera. Il tutto in maniera gratuita ("lo facciamo per aiutare le istituzioni") e sotto la direzione del Commissario Coordinatore, Amerigo Fusco. Inoltre non c’è nulla di militaresco, anzi. Si tratta di un "corso di medicina tattica, cioè di soccorso sanitario dedicato alle forze di polizia". Gli agenti hanno seguito lezioni teoriche e poi si sono addestrati nelle tecniche di estricazione di un ferito in un contesto di scontro a fuoco. "Si simula uno scenario in cui un operatore viene ferito da un proiettile o da un’arma bianca e gli agenti devono portarlo via. Il caso di sparatoria devono prima mettere in sicurezza lo scenario, dunque disarmare il ferito e portarlo via di peso in una zona dove possa essere soccorso". Devono quindi saper controllare le emorragie massive ai quattro arti, gestire i kit dedicati e diversi presidi.

Direte: ma perché un agente di penitenziaria dovrebbe capitare in uno scontro a fuoco? "Ricordo - spiega Vanni - che i poliziotti non operano solo all’interno delle carceri, ma trasportano i detenuti fino in tribunale”. E poi ci sono i servizi di ordine pubblico, il lavoro negli aeroporti. Insomma: sono esposti a pericoli e devono essere preparati. Senza contare che la pistola e gli scudi "sono i loro attrezzi di lavoro" e devono essere addestrati ad usarli. "È per questo che nel video appaiono scudi, manette e armi", insiste Vanni. Inoltre il Sappe l’ha spiegato chiaramente: "centinaia e centinaia” di appartenenti al Corpo vengono ogni anno "aggrediti, feriti, sequestrati, contusi, insultati e offesi". Non solo verbalmente, ma "anche con lanci di feci e urina". Marco Baratto, direttore generale dell'Accademy, ad Opera ha lavorato per anni come infermiere. Sa cosa si prova a stare dall'altra parte delle sbarre. "Se ci lavori per otto ore al giorno, alla fine in galera ci stai anche tu", racconta. I pericoli non mancano: "Una volta un detenuto sieropositivo, che si era pure strappato un occhio, iniziò a tagliarsi le braccia tutte le mattine, a raccogliere il sangue in un bicchiere e a lanciarlo contro l'agente di guardia". Perché allora dovrebbe turbare un corso di formazione?

Lo stesso addestramento peraltro è stato svolto anche da altri corpi delle forze armate italiane e da uno di polizia locale. "Le linee guida sono sempre le stesse e sono internazionali (TCCC) - spiega Vanni - poi ad ogni reparto viene sottoposta un'attività pratica sviluppata in base alle esigenze”. Eppure in Italia c'è chi si "preoccupa". “Cosa c’è di strano? - si chiede Vanni - In quel video si vedono solo agenti che fanno le flessioni e usano armi che portano in giro tutti i giorni. Non c'è nessuna attività alla Rambo". Mentre l’Italia si scandalizza, gli altri Stati investono in sicurezza. "Il Belgio ha deciso di sottoporre l’addestramento di medicina tattica non solo ai corpi speciali, ma anche a tutta la polizia e ai servizi di ambulanza". Il 118, capito? "Se lo facessimo nel Belpaese, scoppierebbe il pandemonio. Altrove, invece, è normale".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Tino

Mar, 10/12/2019 - 08:16

L'obiettivo di lor signori è sempre lo stesso: sminuire e sovvertire tutto ciò che è legalità. Si attaccano a tutto, forze dell'ordine, militari ecc per loro sono nemici da abbattere, come la famiglia, la nostra religione i nostri valori.

Ritratto di Gius1

Gius1

Mar, 10/12/2019 - 08:23

Per il garante dovrebbe essere il poliziotto a perire o essere indifeso. Ma poi garante di chi ? che vadano a lavorare come le persone oneste.

Ritratto di massacrato

massacrato

Mar, 10/12/2019 - 08:31

Va bene ... suggerisco io il prossimo provvedimento: vietato fotografare qualsiasi torre, poichè discrininatorio nei confronti della torre di Pisa.

Manlio

Mar, 10/12/2019 - 08:35

Il nostro Paese è affetto da una sindrome incurabile: lo sfruttamento ai fini politici di ogni possibile occasione per screditare l'avversario e per manifestare le proprie ideologie. I partiti cercano di continuo momenti che possano fare da cassa di risonanza per le proprie tesi, e lo fanno anche se in modo inappropriato

Ritratto di blackwater

blackwater

Mar, 10/12/2019 - 08:36

sindrome della sardina.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Mar, 10/12/2019 - 08:42

Più che logico che ci sia un addestramento del genere. La maggior parte dei detenuti non sono certamente degli angioletti, poi ci sono carceri e carceri e c'é una bella distinzione tra quelli normali e quelli di massima sicurezza. Piuttosot mi preoccuperei dei diritti delle vittime di quelli che si sono meritati il carcere , che non é un albergo.

fifaus

Mar, 10/12/2019 - 09:12

E' ora che si addestrino!

DRAGONI

Mar, 10/12/2019 - 09:16

CHE VADA A DISSODARE CON UNA LEGGERA ED INOFFENSIVA VANGA DELLE TERRE INCOLTE.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 10/12/2019 - 09:55

In un paese in cui alcune anime belle vagheggiano di "azzerare il contachilometri" idest: aprire le gabbie a tutti, indipendentemente dalla gravità dei reati commessi, può accadere anche questo...

steacanessa

Mar, 10/12/2019 - 10:22

Garante delle belinate. Ente inutile da abolire.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 10/12/2019 - 11:16

La chiosa esprime un concetto del tutto condivisibile: l'addestramento dei corpi armati e di corpi d'elite delle nostre ff.aa. è imprescindibile per una semplice ragione: garantire sicurezza quando necessario. Altro che attività alla John Rambo: il garante "pacifista" semmai dovrebbe lodare questo intento invece di tirar fuori obiezioni del tutto risibili.

Magnum500

Mar, 10/12/2019 - 14:26

Infinocchiamento totale da parte delle sinistre

Ritratto di hardcock

hardcock

Mar, 10/12/2019 - 14:55

L'unico paese, lurido, che abbia un garante per i detenuti. Mao Li Ce Linyi Shandong China

GeoGio

Mar, 10/12/2019 - 17:47

figuriamoci, a me sembra un corso di pronto soccorso...

ptck135

Mar, 10/12/2019 - 20:33

Dove sarebbe lo scandalo? Non sono mica educande in gita. È quasi tutto un filmato incentrato sui soccorsi... se poi devono usare le armi, è meglio che lo sappiano fare. Quando ci sarà anche un garante per il cittadino?

Ritratto di Acquachiara

Acquachiara

Mar, 10/12/2019 - 21:28

Vivere nell'atmosfera ovattata dei salotti buoni fa perdere il contatto col mondo, fa dire fesserie e in generale fa male alla mente.

Ritratto di cokieIII

cokieIII

Mer, 11/12/2019 - 05:43

E' la riprova che i politically correct non sono altro che rivoluzionari in pantofola che non hanno la minima idea di cosa debba sopportare la polizia nel trattare delinquenti.