Polonia, scoperta una colonia di formiche cannibali in un ex bunker sovietico

Gli insetti, caduti da un tubo di ventilazione, sono riusciti a non morire mangiandosi gli uni con gli altri. La colonia, che conta più di un milione di esemplari, è stata scoperta da alcuni ricercatori

Sono sopravvissute per anni all'interno di una struttura in cui erano "cadute" per sbaglio. E, secondo i ricercatori, sono riuscite a rimanere in vita cannibalizzando i membri morti della loro stessa specie. Sembra un film, ma è accaduto davvero. È accaduto in Polonia, in un bunker nucleare post-sovietico, dove una colonia di formiche è riuscita a non sparire soltanto dopo essersi mangiate l'una con l'altra. Secondo quanto riportato da La Stampa, gli insetti sono stati scoperti nel 2013, in seguito all'appuntamento annuale organizzato per contrare i pipistrelli presenti nella struttura. Ma alla conclusione, che potrebbe trattarsi di formiche cannibali, gli scienziati sarebbero arrivati in queste ore.

La scoperta degli scienziati

Durante la conta dei mammiferi, il ritrovamento di così tanti esemplari di formiche è sembrato molto sospetto. La colonia, infatti, composta solamente da formiche operaie, è apparsa insolita, visto che le formiche non avevano alcuna fonte di cibo per sopravvivere così a lungo. In queste ore, quindi, sia gli scienziati del museo del bunker, sia quelli dell'istituto di zoologia dell'accademia polacca delle Scienze di Varsavia, sono giunti alla deduzione che la comunità fosse sostenuta proprio da forme di cannibalismo.

Altre formiche "cannibali" in superficie

Ma gli studiosi non hanno individuato soltanto la presenza degli insetti sotto terra, ma, dopo diverse analisi, hanno ipotizzato che la colonia rinvenuta all'interno del bunker fosse un derivato di un gruppo ancora più corposo, che viveva al livello del suolo, vicino a delle condutture di ventilazione che conducono nel rifugio sotterraneo. Quando sono state trovate per la prima volta, i ricercatori hanno stimato la presenza di quasi un milione di singole formiche. Gli insetti, inoltre, sarebbero finiti in questa situazione dopo essere caduti, per sbaglio, in uno dei tubi di ventilazione e non sarebbero poi stati più in grado di risalire.

Il cannibalismo tra formiche è "normale"

A spiegare il motivo della loro sopravvivenza ci hanno pensato il professor Wojciech Czechowski e il dottor István Maák: le formiche hanno mangiato i cadaveri dei loro compagni caduti che si stavano accumulando sul pavimento del rifugio sovietico. In primavera un comportamento simile si verifica più spesso in primavera, quando il cibo proteico è più scarso. Studi più recenti hanno dimostrato che il consumo di cadaveri di formiche è più comune di quanto si possa pensare. I cadaveri dei loro compagni di nido, infatti, possono rappresentare una fondamentale risorsa (ma non soltanto quando il cibo non c'è).

Il ponte

Qualche anno fa, però, gli scienziati hanno sperimentato la creazione di un ponte permanente per fare in modo che gli insetti potessero tornare alla loro colonia. In base alle ultime visite, gli scienziati hanno capito che pochissime formiche sono rimaste a vivere nel bunker, mentre molte sono tornate in superficie. A dimostrazione del fatto che mangiare i cadaveri dei propri compagni fosse necessario per poter rimanere in vita.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cir

Mer, 06/11/2019 - 16:35

la natura per sopravvivere si nutre di se stessa da quando e' nato il mondo.

killkoms

Mer, 06/11/2019 - 18:33

più che killer,cannibali!

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 07/11/2019 - 11:01

formiche comuniste!