Porto fantasma a Molfetta, maxi truffa da 150 milioni

I finanziamenti destinati per il nuovo porto sono stati usati per mettere a posto i conti del Comune e far quadrare il patto di stabilità

Una presunta truffa da 150 milioni di euro ai danni dello Stato e l'ipotesi di reati ambientali. Muove da queste accuse l'indagine sulla costruzione del nuovo porto commerciale di Molfetta, appaltato nel 2007 ma non ancora realizzato. Una vera e propria bufera giudiziaria che ha fatto scattare le manette per un funzionario e un imprenditore mentre sono indagate, a vario titolo, almeno una sessantina di persone, tra cui il senatore Antonio Azzollini.

Il nuovo porto commerciale di Molfetta, per il quale sono stati erogati 150 milioni di euro di fondi pubblici, è stato sequestrato dai militari del nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza e del Corpo forestale di Bari su disposizione del gip del tribunale di Trani, Francesco Zecchillo. Nel blitz di questa mattina sono stati sequestrati anche i 33 milioni di finanziamenti pubblici che non sono stati ancora erogati. Due persone sono, invece, finite agli arresti domiciliari. Si tratta dell’ex dirigente comunale dei Lavori pubblici, Vincenzo Balducci, e del procuratore speciale della Cmc (l’azienda che si è aggiudicata i lavori del porto) e direttore del cantiere, Giorgio Calderoni. Sono indagati per associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata ai danni dello Stato, abuso d’ufficio, reati contro la fede pubblica, frode in pubbliche forniture, attentato alla sicurezza dei trasporti e violazioni ambientali. Per gli stessi reati indagata a piede libero una sessantina di altre persone. I provvedimenti cautelari sono stati richiesti dai pm Antonio Savasta e Giuseppe Maralfa della procura di Trani dopo oltre tre anni di indagini, partite da una segnalazione dell’autorità di vigilanza sui contratti pubblici.

Secondo le indagini, a Molfetta sarebbe stata messa in piedi una maxi truffa che ha permesso di ottenere, in oltre un decennio, finanziamenti per 147 milioni destinati per il nuovo porto. Ma questi sono stati usati per mettere a posto i conti del Comune e far risultare come rispettato il patto di stabilità. I finanziamenti finora ottenuti ammontano a 82 milioni di euro e sarebbero arrivati grazie a una serie di atti illeciti e interferenze amministrative, a fronte di un’opera che avrebbe dovuto costare non più di 72 milioni. Eppure i lavori del porto, appaltati nel 2008, sono ancora in alto mare e difficilmente potranno essere portati a termine dal momento che, non lontano dalla riva, ci sono ancora bombe della seconda guerra mondiale la cui bonifica non è mai stata conclusa. Tra gli indagati c'è anche l’ex sindaco e presidente della commissione Bilancio di Palazzo Madama, Antonio Azzollini. A suo carico non risulta la richiesta e tanto meno l’emissione di alcuna misura cautelare.

Oltre all’utilizzo improprio di una parte dei finanziamenti, l’inchiesta della procura di Trani riguarda anche aspetti di natura ambientale. Gli accertamenti hanno, infatti, stabilito che i lavori sono andati avanti nonostante non fosse stata mai completata la bonifica delle aree minate. Proprio questo avrebbe provocato un rallentamento dei lavori consentendo all’Ati di ottenere 7,8 milioni di euro in virtù di una transazione con il Comune per un risarcimento dovuto proprio all’impossibilità di portare avanti i lavori. Secondo gli inquirenti, invece, l’azienda appaltatrice non avrebbe dovuto accettare la consegna dei lavori. Ma, avendoli accettati, non poteva avanzare alcuna richiesta di maggiori oneri dovuti all’allungamento dei tempi. Anche perché la presenza di bombe nell’area era stata ampiamente accertata da indagini preliminari. L’azienda ne era a conoscenza già prima di accettare la consegna dei lavori. Non solo. Diversamente da quanto attestato dai progettisti, l’area di espansione del porto ricadeva nella perimetrazione del sito di interesse comunitario "Posidonio San Vito", tutelato per la presenza della Posidonia. I materiali di risulta del dragaggio, poi, non sono mai stati smaltiti in maniera regolare ma riversati in una colmata. In questa finivano anche ordigni e proiettili.

Commenti
Ritratto di KNight

KNight

Lun, 07/10/2013 - 09:04

Ma Azzolini chi? Il senatore del PDL? Un altro regalo del miglior presidente della storia. PDL? Brava gente onesta

Ritratto di mario pitorri

mario pitorri

Lun, 07/10/2013 - 09:25

Ma Azzolini del PDL ??

adp

Lun, 07/10/2013 - 09:26

lo dico sempre, i politici si sono mangiati la carne, si sono rosicati l'osso e alla fine pure le frattaglie. Non lasceranno nulla, nemmeno il terriccio.

Ritratto di bassfox

bassfox

Lun, 07/10/2013 - 09:36

e indovinate di che partito è il politico di turno? ma sarà mica l'ex sindaco PDL? che novità....

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Lun, 07/10/2013 - 09:37

Non leggo a quale Partito appartiene del Senatore Azzollini, che sia del PDL? Senza vergogna e senza rispetto per i lettori... Prego vogliate rettificare.

Bebele50

Lun, 07/10/2013 - 10:08

Azzolini ex-sindaco di Molfetta e senatore PDL ma è anche stato militante prima nel PDUP Partito di Unità Proletaria, quindi nei Verdi e poi nel PCI - PDS e appoggiato anche dal PPI. Dire che è del PDL è riduttivo.

Bebele50

Lun, 07/10/2013 - 10:32

Vorrei sottolineare che sono indagati (non condannati) e che la ditta appaltatrice è la CMC Cooperativa Muratori & Cementisti di Ravenna. Conclusione: stanno mangiando tutti. Vergogna.

epesce098

Lun, 07/10/2013 - 10:47

KNight -mario pitorri - Si proprio lui, proveniente dal PARTITO DI UNITà PROLETARIA - VERDI - PARTITO COMUNISTA / PDS - E APPRODATO NEL PDL. VI BASTA QUESTO CURRICULUM?

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 07/10/2013 - 11:01

Ha imparato perfettamente da suo capo.

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Lun, 07/10/2013 - 11:01

Bebele50 Nell'agosto 2011 è relatore del ddl Anticrisi 2011 sulla manovra-bis. Azzollini inoltre è relatore di diversi emendamenti come quello che prevede il carcere per chi evade più di 3 milioni al Fisco e sulla possibilta di pubblicare ogni reddito in rete.[5]. La Manovra è approvata dal Senato il 7 settembre 2011 attraverso il voto di fiducia con 165 si, 141 no e 3 astenuti. Ha provato a mandare in galera il Cavaliere.....

Sapere Aude

Lun, 07/10/2013 - 11:02

Con un mano invitano il lebbroso (Pdl) al pranzo dove si succhiano i soldi: caritatevoli bastardi. Con l'altra mano (Coop) arraffano: ladri ma vergini in apparenza. Poi mandano la magistratura dal lebbroso per lavarsi entrambe le mani: ignobili manigoldi.

piertrim

Lun, 07/10/2013 - 11:05

E vai dopo MPS anche la CMC. E, mentre qualcuno (i soliti noti) tenta di raddoppiarci il debito pubblico, noi paghiamo!

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Lun, 07/10/2013 - 11:11

@epesce098, sei felice perche' hai beccato un ex pci? ma ti rendi conto che il pdl è la fogna di tutti i partiti? ti si chiarisce che dentro al pdl sono finiti tutti quelli che sapevano gia' come mangiare alle spalle dell'italia? e sai chi li ha scelti? sei felice? hahahah sei un perdente!

Ritratto di KNight

KNight

Lun, 07/10/2013 - 11:32

ex pci vero! e una volta diventato come il padrone è approdato nel del Partito Dei Ladroni

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Lun, 07/10/2013 - 11:32

Perchè non scrivete che è del PDL ? Tanto voi Bananas adesso siete di Forza Italia e quindi non è mica del vostro partito.

eloi

Lun, 07/10/2013 - 11:39

Molfetta uno dei tanti porti dfefiniti "commerciali" dove non mattraccherà mai una nave mercantile ma, barche da diporto tipo "icarus".

syntronik

Lun, 07/10/2013 - 11:41

Ma cosa c'entra il colore politico, un ladro é sempre un ladro, allora la CMC, non é sicuramente del pdl, una congrega truffaldine é sempre composta da svariati colori, é la stupiditá dei sinistri, che appena c'é qualche destroide nella melma, addita il berlisca, ma la stupodota e l'ignoranza, non é ammessa nemmeno dalla legge, a meno che uno sia si sinistra, allora tutto è lecito.

yulbrynner

Lun, 07/10/2013 - 11:41

come si possa passare dalla sinistra estrema al silvietto e' come saltare di palo in frasca ma x un vero opportunista questo e altro che schifo!

adp

Lun, 07/10/2013 - 11:44

Silvio Berlusconi patrimonio dell'unesco.. Michaela Biancofiore! Ho detto tutto!!!!

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 07/10/2013 - 12:08

Questo dimostra, ancora una volta, di chi e cosa si è dovuto circondare Berlusconi per avere voti, soprattutto al sud. D'altronde, chi è addentro più di me (e ci vuol poco...) nei fatti della politica alle mie critiche risponde "questo c'è da quelle parti: o prendi sù uno del posto, ovviamente ammanicato e appoggiato quanto serve, o non prendi un voto". Tristezza!

daniele66

Lun, 07/10/2013 - 12:11

Rileggere l'articolo no vero ? Inizia con "PRESUNTA TRUFFA".......,e come sempre per i neo-comunisti presunta = certa,appurata e gia' passata in giudicato,tranne ovviamente le indagini su qualcuno di loro ( MPS,Bersani,ecc docet )

dukestir

Lun, 07/10/2013 - 12:25

Azzollini e' falco o colomba?

Bebele50

Lun, 07/10/2013 - 13:21

@riccio.lino.por Si raccontava che poco prima di morire ai comunisti si faceva prendere una tessera fascista, così a morire era un fascista, uno in meno. Non contano le tessere precedenti di Azzolini??? In ogni caso lei è così sicuro che sia un delinquente?

Ritratto di moshe

moshe

Lun, 07/10/2013 - 13:24

Non si chiama Berlusconi ..... ARCHIVIATO !!!

Ritratto di moshe

moshe

Lun, 07/10/2013 - 13:25

L'ennesimo regalino meridionale.

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Lun, 07/10/2013 - 13:25

Rame è un raffinato quando introduce il pezzo con una "presunta" truffa del senatore PdL. Se il senatore fosse stato in un altro schieramento gli avrebbero già fatto pelo e contropelo ed emesso sentenza di condanna irrevocabile. Complimenti.

WoodstockSon

Lun, 07/10/2013 - 14:14

Quanto mi stanno su quello che dico io sti commenti. Ma ci vuole tanta intelligenza per capire che sono quasi tutti ladri? PD, PDL, M5S, Scelta Civica, Scelta Incivile, Rubo Io, Rubi Te, Rubiamo Quasi Tutti. Mi fanno ridere quelli che dicevano che Craxi rubava e s'era fatto il tesoro per il PSI, e il PC ? che da decenni ha rubato l'Italia? E la Storia continua, la Costituzione stracciata, la Severino retroattiva, il voto palese al Senato, fra poco ci imporranno il voto pubblico alle Politiche e noi qui a blaterare commenti. Italiani brava gente...meglio che la pianto qui altrimenti faccio piangere le iene.

Ritratto di mario pitorri

mario pitorri

Lun, 07/10/2013 - 14:29

TUTTI A CASA, POCHE STORIE ! .. nun ve reggae piu !

maxaureli

Lun, 07/10/2013 - 14:40

Praticamente questo Antonio Azzollini e' impossibile capire di quale partito appartiene. E' in tutti i partiti!!!! LOL LOL - State messi male in Italia... proprio male!!

Ritratto di woman

woman

Lun, 07/10/2013 - 14:56

Che combinazione! E' stato indenne in vari partiti di sinistra, poi è entrato nel PdL e è indagato.

swiller

Lun, 07/10/2013 - 15:34

E poi parlano di antipolitica e di populismo, schifosi.

COSIMODEBARI

Lun, 07/10/2013 - 16:15

Ma i porti nuovi o vecchi, sopratutto quelli nascenti non sono sotto la giurisdizione del demanio, ovvero del controllo delle capitanerie, quindi anche degli alt veloci? Qualcuno in divisa marinara forse pure c'era al momento della prima pietra o no? Un altra cosa all'Italiana, ma sicuramente più tuonante che scoprire il mistero del motopesca molfettese e dei suoi lutti. Forse perchè mistero internazionale, seppure in piccolo (dal numero delle vittime), come Ustica?

marvit

Lun, 07/10/2013 - 16:27

Intanto chi è agli arresti domiciliari è un CMC.(coop. tutta comunista). Secondo:s'è vero, è un precedente gloriosamente inedito. Si mette su una truffa ai danni della "comunità" per poter ripianare i debiti del "comune". Così,alla Totò.....e quasi quasi da medaglia

Giampaolo Ferrari

Lun, 07/10/2013 - 16:33

In galera tutti,da quello che ha fatto i buchi a quello che li ha colmati con i soldi degli altri,il mezzogiorno è sempre stato terreno fertile per queste cose da sempre.E quelli che dovevano controllare????

marvit

Lun, 07/10/2013 - 17:00

Giampaolo Ferrari. Ma la CMC non è più una coop di Ravenna?? Il mezzogiorno terreno fertile?? Forse,a questo punto,terreno fertile solo per l'agricoltura. Per il resto,sospetto,ch'è il nostro nord che rastrella sacchi di soldi in ogni dove

Ritratto di Gorilla Gor

Gorilla Gor

Lun, 07/10/2013 - 17:28

Ho apprezzato moltissimo i tanti troppi commenti di sdegno e vergogna da parte dei cortigiani sinistrioti, compagni di merende alla salsiccia e piadina, sul caso FORTETO. Bravi e onesti onestissimi.