Cronache

Prende a pugni passanti a caso: africano semina il panico a Milano

Violenza senza senso a Milano. Un giovane immigrato se la prende coi passanti pestandoli a pugni. In una sola ora ne stende quattro

Prende a pugni passanti a caso: africano semina il panico a Milano

Un altro pomeriggio di panico a Milano. In appena un'ora di tempo un africano ha preso a pugni passanti a caso. Un gesto violento e folle. A farne le spese sono stati i gestori di bar, un ragazzo e un americano in via Vittor Pisani, la via del centro di Milano che porta in stazione Centrale. E sarebbe potuto anche andare avanti in questa violenza senza ragione se la polizia non lo avesse arrestato.

Carlos Alberto Harvid Ferreira è un 26enne nato in Angola. Da tempo vive a Milano anche se non ha un indirizzo né tantomeno un impiego fisso. Ieri pomeriggio, tra le 18 e le 19, il giovane extracomunitario ha colpito senza ragione i titolari del bar Centrale e del bar Metropolis e un passante di 16 anni. Il minore non è stato portato in ospedale, mentre i due baristi, di 42anni e 31 anni, sono stati soccorsi in codice verde al Fatebenefratelli e hanno ricevuto una prognosi di alcuni giorni. In un secondo momento è emersa una quarta vittima, un uomo di 60 anni di origine statunitense, che si trovava a Milano per lavoro: era stato aggredito nella vicina via Cornalia sempre dalla stessa persona. Con contusioni non gravi, l'uomo è stato trasportato al Fatebenefratelli e poi dimesso con quindici giorni di prognosi.

L'angolano è stato arrestato per lesioni aggravate e per resistenza a pubblico ufficiale. Giudicato questa mattina per direttissima, il 26enne resterà nel carcere di San Vittore.

Commenti