Il Private sposa la tecnologia per accelerare sui servizi

La formula di Banca Aletti: forte presenza sul territorio ma anche grande flessibilità operativa alla clientela

Il Private sposa la tecnologia per accelerare sui servizi

I clienti Private, quelli con grandi patrimoni da proteggere e far fruttare, hanno esigenze ancora più articolate dopo la crisi. Hanno ormai spostato l'attenzione dal puro ritorno dei propri investimenti al profilo rischio e al rendimento dell'intero portafoglio. I «paperoni» sono, insomma, alla ricerca di un interlocutore qualificato e di fiducia, in grado di dare una risposta multidisciplinare, integrata e indipendente alle complesse esigenze del trinomio famiglia-patrimonio-attività professionale (o di impresa).

Il Banco Popolare risponde a queste esigenze con Banca Aletti, la sua Private & investment bank. Si tratta del «polo di sviluppo finanziario e di consulenza dedicata alla clientela private e corporate più sofisticata del gruppo», precisa Franco Dentella, vicedirettore generale e responsabile Private banking di Aletti. «Il nostro modello di business prevede nella stessa realtà operativa una costante e virtuosa integrazione tra le attività di private banking, asset management e investment banking ».

La struttura di Aletti - radicata in tutta Italia con 34 unit private e 185 private banker - è inoltre stata pensata per «avvicinare ai clienti il cuore produttivo e di servizio della banca»; il tutto coniugato con la riservatezza assoluta e la logica del rapporto individuale specialista-cliente intrinsechi al dna del mondo Private.

«La nostra strategia è incentrata sulla valorizzazione dei servizi integrati al family business , con un'analisi accurata delle dinamiche familiari e aziendali e un approccio professionale alla tutela e alla trasmissione del patrimonio nella sua accezione più ampia», prosegue Dentella, sottolineando l'ampia gamma di soluzioni di investimento e di servizi offerta da Aletti sia in termini di copertura delle asset class, sia per forme tecniche e finalità.

Il perimetro di riferimento è rappresentato dal patrimonio in senso allargato: attività finanziarie, immobili, opere d'arte, attività di impresa. L'offerta dedicata alla clientela comprende infatti i servizi di gestione di patrimoni, la consulenza finanziaria con architettura aperta, l' investment advisory , strumenti finanziari dedicati, art advisory e real estate advisory e i servizi di tutela e protezione del patrimonio.

In un sistema, come quello di Aletti, basato sui Private banker, «i servizi di gestione patrimoniale e di consulenza finanziaria oggi sono determinanti. Sono la soluzione ideale per il cliente che decida di affidarsi a un professionista che fonda la propria attività sui principi di diversificazione dei rischi e di ricerca del corretto equilibrio tra rendimento atteso e rischio su un orizzonte temporale di medio periodo», rimarca Dentella, ricordando i vantaggi assicurati dal modello di consulenza avanzata di portafoglio di Aletti. «L'integrazione dell'offerta assicurativa dedicata al ramo danni completa la gamma di soluzioni e servizi finalizzati al perseguimento di uno degli obiettivi strategici nel nostro modello di business».

Ma anche i servizi Private devono misurarsi con la frontiera dell'evoluzione tecnologica. Ecco perché Aletti sta già lavorando all'integrazione del modello di relazione con la clientela, per rendere questa interazione più rapida e semplice: «L'obiettivo è contenere i tempi amministrativi a tutto vantaggio dei momenti di reale valore aggiunto, dedicati alla consulenza, al dialogo e al confronto». Il Private banker utilizzerà, in particolare, mobile device per illustrare le proprie proposte di investimento al cliente, che potrà poi renderle operative anche con la firma digitale.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento