Puglia, tartaruga marina salvata da una bambina

Avvistata nel mare di Brindisi, si era accorta delle sue condizioni e ha lanciato l'allarme. Ribattezzata col nome della piccola di 8 anni: Giorgia

Puglia, tartaruga marina salvata da una bambina

È stata chiamata Giorgia, come la sua salvatrice: una bambina di 8 anni. Parliamo della tartaruga Caretta Caretta strappata in extremis alla morte dalla piccola intervenuta in suo soccorso.
La commovente storia è accaduta a Torre Guaceto, una località balneare pugliese a Fasano, in provincia di Brindisi.

La "giovane" tartaruga nuotava a vista con evidente difficoltà. La bambina, in gita in barca insieme ai genitori, si è accorta dell'animale e soprattutto delle sue malandate condizioni. Il rettile non riusciva più a immergersi. La perspicacia della piccola Giorgia è stata decisiva. Il suo allarme è stato raccolto dai genitori che hanno subito attivato i soccorsi.
Come si legge su Tarantoblog.it che ne dà notizia, riportando le informazioni pubblicate dalla "Gazzetta del Mezzogiorno", i genitori di Giorgia, Aldo e Alessia, hanno recuperato la Caretta Caretta, portandola al centro recupero di Torre Guaceto in provincia di Brindisi. Qui i veterinari hanno scoperto che, nelle settimane precedenti, era finita per due volte nelle reti dei pescatori, e ogni volta era stata curata e poi liberata in mare.

Questa volta, però, da sola non ce l'avrebbe fatta. Ci sono voluti due mesi, un tempo non rapido, per rimetterla in salute. Una volta guarita, la tartaruga, una 60enne (considerando l'età delle tartarughe un "giovane" esemplare), è tornata libera in mare grazie alla sensibilità di Giorgia e dei suoi pochi anni. Solo 8, ma con tanta saggezza.

Commenti