Quasi la metà dei beni culturali italiani è a rischio frana o alluvione

Rischio frana o alluvione per 80mila beni culturali italiani: "Il problema è intervenire soltanto quando ci si trova di fronte a un’emergenza"

Le bellezze culturali italiane sono in pericolo. Secondo una mappa realizzata dall'Ispra, 80mila beni culturali - ovvero quasi la metà - sono a rischio frana o alluvione. Tra queste anche la Basilica di Santa Croce a Firenze, una delle massime realizzazioni del gotico in Italia, che proprio ieri è stata teatro del tragico incidenti in cui un turista spagnolo ha perso la vita.

Sempre nel capoluogo toscano sono 1300 i beni esposti al danno, con un tempo di ritorno di 200 anni (quindi con la probabilità che l'evento si verifichi in questo arco di tempo). Nell'occhio del ciclone, oltre alla Basilica, ci sono anche la Biblioteca Nazionale, il Battistero e la Cattedrale di Santa Maria del Fiore.

Più di 3mila, invece, sono a Roma. Come riporta La Stampa, la probabilità che il danno si verifichi qui si allunga, in un arco temporale invece che arriva fino a 500 anni. La mappa evidenzia che l'area inondata comprenderebbe anche buona parte del centro storico, in zone quindi come Piazza Navona, Piazza del Popolo e il Pantheon.

"Ci troviamo di fronte a una materia di estrema complessità - spiega Federica Armiraglio, responsabile del Progetto dei Luoghi del Cuore del Fai, a La Stampa - Alcuni edifici sono di competenza delle Soprintendenze, altri delle Diocesi, altri dei comuni, altri sono di privati. Non sempre si tratta di soggetti che hanno le risorse o anche la capacità di progettare interventi. Forse uno dei problemi principali riguarda proprio la tendenza a programmare interventi soltanto quando ci si trova di fronte a un’emergenza, quindi dovendo sostenere costi molto più elevati".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Ven, 20/10/2017 - 16:05

Potranno crollare anche tutti ma Franceschini, allora grande accusatore, non molla la poltrona se non per qualcosa di meglio

VittorioMar

Ven, 20/10/2017 - 16:45

...SALVAGUARDARE L'ORO ITALIANO E' IMPERATIVO !!....ORA VI E' STATO UN MORTO PER UN CROLLO MA...NESSUNO HA CHIESTO LE DIMISSIONI DI FRANCESCHINI !!..NEANCHE UNA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE!!!...PER SUA DIGNITA' POLITICA E DI COERENZA SI DOVEVA DIMETTERE....!!...PER UN SEMPLICE CROLLO DI UN PICCOLO MURO DI POMPEI FECE DIMETTERE UN MINISTRO IN CARICA!!!..MA LORO SONO ANTROPOLOGICAMENTE E IGNORANTEMENTE SUPERIORI !!...SONO SINISTRATI !!

billyserrano

Ven, 20/10/2017 - 17:37

Tranquilli, ora c'è Franceschiello, e quando ci sono quelli di sinistra, con lui in prima fila, non succede nulla di grave ai nostri beni. O no?