"Questo è un covo di ammalati" Scoppia la rabbia dei poliziotti

Il centro di accoglienza di Monastir è sovraffollato, da due settimane non si fanno i tamponi ai migranti, che sono armati e pronti allo scontro: questa la denuncia di Luca Agati, segretario provinciale SAP

Se ne parla poco, forse perché i temi caldi del Paese sono attualmente altri, ma le nostre forze dell'ordine continuano a presidiare i centri di accoglienza e a sedare le rivolte che continuano a scatenarsi da parte di migranti insofferenti alle regole. Uno dei fronti più caldi in tal senso è quello del C.A.S. di Monastir, alle porte di Cagliari, dove anche questa notte i poliziotti si sono dovuti difendere dall'ira dei migranti. Il Sindacato Autonomo di Polizia continua a lanciare l'allarme ma per ora i loro appelli sono caduti nel vuoto.

L'ultimo episodio riguarda una rissa tra due gruppi di algerini, che si sono scontrati all'interno del centro di accoglienza. Ne è nata una rissa violenta con lancio di oggetti, che ha costretto all'intervento gli uomini del reparto mobile di Cagliari in tenuta antisommossa, fortunatamente sempre presenti nel centro. Il bilancio è di alcuni feriti tra i migranti e di sei denunciti. Il clima a Monastir è teso, la struttura è sovraffollata e il malcontento dei migranti cresce di giorno in giorno. Questo è solo l'ultimo episodio di una lunga serie di scontri, che quasi quotidianamente mette a repentaglio la sicurezza degli agenti delle forze dell'ordine, che si trovano a operare in condizioni non ottimali anche a causa dell'inadeguatezza della struttura che ospita il C.A.S. di Monastir. È questa la denuncia di Luca Agati, segretario provinciale del SAP.

"Le condizioni del mare hanno permesso a più di duecento clandestini di approdare sulle nostre coste, riempiendo all’inverosimile una struttura inidonea, che mette in serio pericolo gli operatori che vi svolgono la vigilanza. Dalle prime ore della serata di ieri abbiamo gestito violenti scontri, la tensione è alle stelle, sono letteralmente saltati gli schemi". denuncia Luca Agati, che non solo porta alla luce il problema della sicurezza ma anche quello legato all'epidemia e agli scarsi controlli. "Sono più di 15 giorni che non vengono effettuati i tamponi ai nuovi sbarcati, abbiamo stipate più di 200 persone, giunte in momenti diversi, che vivono in totale promiscuità senza conoscerne le ipotetiche cariche virali. È inaccettabile, gli allarmi sono quotidiani, così come i punti di contatto tra i clandestini e gli operatori di Polizia, senza che alcun accertamento sanitario sia stato compiuto", prosegue il segretario.

La misura è ormai colma per le forze dell'ordine impiegate nel centro di accoglienza alle porte di Cagliari: "Monastir é un potenziale covo di malati, un ipotetico focolaio di infetti che ogni giorno entra in contatto con tutti i colleghi, un branco di duecento persone pronte a tutto con l’obbiettivo di danneggiare per guadagnarsi la fuga. Ogni giorno che passa senza i dovuti i previsti accertamenti sanitari, è un giorno di rischio in più, una terribile scommessa con il fato". Se da un lato c'è la roulette russa del contagio da coronavirus, dall'altra c'è la concretezza del rischio fisico dovuto alle aggressioni, spesso armate, da parte dei migranti che non hanno nulla da perdere ma tutto da guadagnare con le rivolte e le aggressioni, e Luca Agati spiega molto bene qual è il rischio: "I clandestini come accaduto stanotte si armano, rompono tutto, si propongono con spavalderia, scavalcano in continuazione uscendo dalla atruttura. Questi, per lo più algerini partiti da Annaba, provengono da una nazione che sta vivendo un considerevole aumento dei casi di contagio con quasi settantamila positivi e più di duemila morti. Cosa deve accadere affinché si ponga rimedio a questa vergogna? ".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

igiulp

Lun, 16/11/2020 - 14:12

Se "libertà" non è una parola vuota ma che ha un preciso valore, perché questi sindacalisti, che cercano di tutelare onesti lavoratori in divisa e con famiglia, non si fanno invitare in certe (poche) trasmissioni TV e fanno conoscere al popolino ignaro su quanto succede in questo assurdo paese? Basti vedere quanto è successo a Parma, dove, per liberare un bar da un esagitato, sono intervenuti 11 mezzi tra polizia, carabinieri, due ambulanze ed una automedica. Poi, quando i cittadini onesti chiamano per un soccorso urgente, nessuno risponde o ti dicono che non ci sono mezzi disponibili. Siamo alla frutta ma il vaso è colmo.

Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 16/11/2020 - 15:24

certo che siete veramente diventati deel megafono dei sindacati di polizia più minoritari?

dagoleo

Lun, 16/11/2020 - 15:39

ma che cosa volete? avete votato la sx ed allora cosa volete? di questi qui ne dovranno arrivare ancora 20 milioni almeno non l'avete capito? quindi zitti e muti e subire in silenzio e mollate il 50% del vostro stipendio a queste risorse.

Gio56

Lun, 16/11/2020 - 15:41

Nahum,e se andasse la Lei a sistemare le cose invece di dire pirlate?

Ritratto di moshe

moshe

Lun, 16/11/2020 - 15:53

bla bla bla ... fate i fatti, piagnucolare non serve a niente!

Antibuonisti

Lun, 16/11/2020 - 16:07

quando gli italiani alle urne capiranno chi sta dalla loro parte e chi no allora forse le cose cambieranno. per il momento si può fare solo "mea culpa"

Ritratto di babbone

babbone

Lun, 16/11/2020 - 16:20

chi sono questi individui che vogliono così male all'Italia ed al suo popolo. non vi guardate indietro se avete la coscienza a posto, altrimenti emigrate insieme ai clandestini che avete importato.

silvano45

Lun, 16/11/2020 - 16:51

Hanno giurato di servire la repubblica e il popolo italiano non un insignificante sprovveduta burocrate mai votata da nessuno che per ordini del suo partito di riferimento che l'ha nominata il PD pensa solo di proteggere qualsiasi azioni compiano i migranti e tratta come scarti poliziotti e cittadini quindi!

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 16/11/2020 - 17:08

Gli Algerini da che guerra scappano, quella di Ben Ben lla di 50 anni fa!!! AUGH.

bernardo47

Lun, 16/11/2020 - 17:44

Agenti di polizia hanno ragione! Viva le nostre forze dell’ordine......

bruco52

Lun, 16/11/2020 - 18:07

che gli appartenenti alle Forze dell'Ordine, con i loro famigliari, si ricordino, quando finalmente si voterà per il parlamento, in che condizioni li fanno operare gli attuali governanti rosso-gialli; che si ricordino delle disposizioni che vengono impartite dai ministri abusivi di questo governo di inetti, inadatti e truffatori....

Giorgio5819

Lun, 16/11/2020 - 18:10

Lo squallore infinito di un governo assurdo che continua a permettere l'ingresso in Italia di soggetti che non ne hanno alcun diritto. Business comunista.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 16/11/2020 - 19:19

Grazie sinistra, grqazie governo. C'è semper i lsolito sinisrto a giustificare le cose sporche.

maxxena

Lun, 16/11/2020 - 19:23

la libertà e la democrazia vanno conquistate giorno per giorno. Ormai è evidente che questo governo, non si sa se per incompetenza o un progetto ben preciso, sta muovendosi contro i cittadini italiani e questi, rimbambolati da anni di benessere narcotico, non hanno ancora capito che il nostro sistema sociale si sta disintegrando, minato da inetti incapaci, supportati da ideologie surreali. La distanza tra la situazione attuale e l'anarchia totale e molto minore di quanto si possa pensare.

ItaliaSvegliati

Lun, 16/11/2020 - 19:27

Continuate a votare komunista...