Rapina nel milanese, bandito asserragliato

La rapina si è verificata ai danni di un’agenzia della banca Intesa San paolo che si trova in via Marcona, a Buscate, comune del milanese

Paura a Buscate, in provincia di Milano. I banditi sono entrati in azione intorno alle 9 in via Marcona rapinando un'agenzia Intesa San paolo.

Quando sono arrivati i carabinieri hanno cercato di fuggire, armati, con il bottino. Al momento non si sa se hanno con sé pistole vere o finte, e se abbiano esploso dei colpi o meno. È stata in occasione dell'inseguimento che i militari hanno ferito, alla gamba, uno dei due bloccandolo. L’altro, è riuscito ad allontanarsi, anche se non di molto, barricandosi in una villa abbandonata che si trova nei pressi di via Marcona, a poche decine di metri di distanza dal luogo del furto.

La zona è stata circondata dalle forze dell’ordine, le vie sono state bloccate per evitare qualsiasi (ulteriore) possibilità di fuga e i passanti tenuti lontano, a distanza di sicurezza. È tuttora asserragliato nella villetta ed è armato (è stato accertato), ma senza ostaggi con sé. Sei le pattuglie presenti sul posto: i militari stanno cercando di convincerlo a uscire, e secondo le fonti in loco si tratterebbe di un italiano. Il complice è in ospedale: anch’egli italiano, quarantenne, senza documenti e in corso di identificazione. Nessun altro è rimasto ferito.

Da ore, i carabinieri che circondano completamente l’isolato, stanno cercando di intavolare una trattativa per convicerlo ad arrendersi; al momento non avrebbe avanzato richieste particolari e i militari sembrano avere l'intenzione - per ora - di tentare un’azione di forza. Sul posto sono attesi ogli specialisti del Gruppo di intervento speciale (Gis) dell’Arma.

Secondo quanto è possibile apprendere, i rapinatori, dopo essere entrati di notte nella banca attraverso un buco fatto nel muro, avrebbero atteso gli impiegati minacciandoli. Una cliente sopraggiunta davanti alla filiale li avrebbe però visti, dando l’allarme alle forze dell'ordine.

È stato finalmente arrestato dopo 5 ore di assedio il rapinatore che dalle 10 circa di questa mattina si era barricato in una villetta in via Marcona per fuggire dai carabinieri. Non ha opposto resistenza.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di lettore57

lettore57

Ven, 05/04/2013 - 12:49

la villa è disabitata, nella certezza che dentro non c'e' nessuno perché trattiamo quel "signore" con i guanti? non abbiamo la capacità di entrare? si si l'abbiamo è che siamo dei codardi e non vogliamo far torto a nessuno; io penso che il modo migliore per evitare certe cose sia far capire cosa succede a infrangere la legge; purtroppo il carcere non fa più paura a nessuno

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 05/04/2013 - 13:13

Lasciatelo dentro, gli verrà sete prima o poi.

eri75

Ven, 05/04/2013 - 14:19

lettore57: proprio perché è solo e non può nuocere a nessuno, inutile mandar dentro degli agenti a rischiare di beccarsi una pallottola vagante... non è codardia, è prudenza.

silvio adopera

Ven, 05/04/2013 - 17:03

E' vicino Milano, dannato Pisapia.

Giorgio Rubiu

Ven, 05/04/2013 - 18:38

#silvio adopera - I rapinatori sono dovunque, anche dove non c'è Pisapia. Non sto spezzando una lancia in favore di Pisapia che non mi piace affatto; sto solo facendole notare l'inutile faziosità del suo commento.

silvio adopera

Ven, 05/04/2013 - 19:34

#Giorgio Rubiu - Guardi che ero ironico, e l'ironia non era certo rivolta a Pisapia.

marcorimini1986

Sab, 06/04/2013 - 02:22

Il problema non è la paura di prendersi una pallottola. Il GIS non rischia questo. La paura è quello che succede dopo se la pallottola se la prende il santo rapinatore. Anche stamattinaa Ravenna un CC è stato processato perchè ha sparato UN colpo contro TRE tunisini ubirachi, drogati che non si erano fermati all'alt della municipale. i tre soggetti dopo aver mandato all'ospedale un altro equipaggio di CC, hanno cercato di investire il militare che ha sparato uccidendo uno di questi santi. omicidio colposo, ma l'atto è dovuto naturalmente... -_-

franco@Trier -DE

Lun, 08/04/2013 - 10:24

se avesse saputo che in caso di cattura lo avrebbero processato e appeso a un albero avrebbe pensato 2 volte prima di fare la rapina.Io non sono mai stato a Buscate ma alberi lì non ce ne sono? o mancano i giudici con le palle?lettore 57 togli quella icona rende nervoso quel simbolo anche se c'è la riga in mezzo rossa anche lei come te.