Rapina sul treno: 23enne minacciato con martello da nordafricano

Il giovane, che si stava recando sul posto di lavoro a Milano, ha preferito non reagire nel timore di una violenta reazione da parte del rapinatore, in compagnia, tra l'altro, di un complice

Episodio di rapina a bordo del convoglio TreNord 724 della linea S4, in servizio lungo la tratta Camnago-Lentate-Milano.

Sono all'incirca le 8 del mattino quando il treno arriva all'altezza di Lentate sul Seveso (Monza-Brianza), ed è in quegli attimi che ad un pendolare di 23 anni si avvicina uno straniero, presumibilmente di etnia magrebina.

Come riferito dalla vittima, l'extracomunitario impugnava un martello frangivetro, col quale lo ha minacciato, intimandogli di consegnare il proprio telefono cellulare. Terrorizzato, soprattutto all'idea di una violenta reazione del nordafricano ad un suo rifiuto, il ragazzo ha preferito consegnare lo smartphone.

Dopo essersi impossessato dell'apparecchio elettronico, il magrebino si è allontanato, raggiungendo un altro straniero, probabilmente suo complice, in compagnia del quale è poi sceso dal convoglio alla fermato di Seveso.

Il giovane, un impiegato che si trovava sul treno per raggiungere il proprio posto di lavoro a Milano, non ha potuto far altro che denunciare la rapina subìta ai carabinieri della stazione di Lentate sul Seveso.

I militari hanno dato avvio alle indagini per risalire al responsabile, ma episodi del genere continuano ad essere oramai sempre più frequenti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Lun, 02/09/2019 - 15:26

Evviva il nuovo governo rosso! Con loro saranno premiati con tessera elettorale

dagoleo

Lun, 02/09/2019 - 15:37

ormai è la norma. secondo me questi episodi bagatellari dovrebbero essere depenalizzati. così le preziose risorse potranno esprimere al meglio e senza condizionamenti la loro cultura ed i loro usi e costumi. se vogliamo favorirne l'integrazione rapida sarebbe bene pensarci subito. spero molto in questo nuovo governo.