Rapine e aggressioni online: arrestati tre minorenni magrebini

I ragazzi facevano parte del gruppo Instagram "Cremona Dissing": pubblicavano tutte le loro azioni violente

Risse, rapine e aggressioni celebrate sui social. Si divertivano così tre minorenni di origine magrebina che a Cremona erano diventati dei modelli da seguire per le loro gesta "da eroi". La polizia ha eseguito un'ordinanza di applicazione della misura cautelare del collocamento in comunità a carico della baby gang: i ragazzi facevano parte del "Cremona Dissing", un gruppo Instagram sul quale venivano raccontate le bravate commesse.

L'operazione

Le indagini sono partite in seguito a diversi scippi avvenuti in città il 12 giugno scorso nel corso di una festa aperta al pubblico: sette ragazzi si resero protagonisti di una rapina e di un'aggressione per futili motivi nei confronti dei partecipanti alla serata. Gli agenti hanno poi identificato i tre ragazzini, ritenuti autori di una rapina dal valore di 20 euro in contanti e di una tentata rapina di un portafogli.

L'organizzazione della baby gang era sempre la medesima e seguiva tre step principali: individuazione della vittima; aggressione con calci e pugni; furto di soldi o cellulare. Il tutto filmato e poi fieramente condiviso sui social.

Tra i messaggi della chat si legge una frase per darsi appuntamento: "Allora alle 4 si jumpa?". Inoltre venivano pubblicate delle foto di piazza Marconi con la scritta "The ring is for boy", come se dovesse trasformarsi in un ring per degli incontri di boxe.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Lun, 26/08/2019 - 09:51

OBBLIGARLI a seguire corsi di recupero presso i Paesi di origine? potrebbe essere un'idea, chi meglio di coloro che ha la loro stessa cultura potrebbe rieducare questi giovani? noi quella cultura dobbiamo ancora farla nostra