Regala un mazzo di rose all'ex compagna: condannato per stalking

Per la legge anche un mazzo di rose e doni non graditi possono essere motivo di ansia in chi li riceve. Il Tribunale di Torino condanna per stalking un uomo innamorato

Regala un mazzo di rose all'ex compagna: condannato per stalking

Dodici mesi di carcere con la condizionale, per aver regalato un mazzo di rose alla ex compagna. È così che il tribunale di Torino, ha condatto ieri un uomo di 70 anni con l'accusa di stalking.
Regali fiori, troppe attenzioni: secondo la sentenza, anche eccessive premure e gentilezze, se non gradite, generano uno stato di ansia in chi le riceve.

"Sono ancora perdutamente innamorato di lei", ha confessato il condannato in aula, che proprio non riesce a dimenticare i 20 anni di relazione vissuti insime alla ex compagna.

Oltre al gesto dei fiori, l'uomo aveva anche portato la macchina di lei a riparare, senza che la donna ne fosse al corrente. La donna così esasperata era ricorsa alla denuncia.

Inutile è stata la difesa dell'avvocato Antonio Genovese che ha sottolineato che non si può parlare di stalking, ma solo di amore: "Il mio assistito voleva soltanto manifestare il suo interesse per lei. E soprattutto non pensava di compiere atti di una portata tale da determinare uno stato d'ansia. La paura, poi, era fuori discussione. Qui si parla di amore. Un amore che è stato condannato".

Ma i giudici non l'hanno vista alla stesso modo e la donna oltre alla condanna dell'ex compagno ha ottenuto il diritto ad un indennizzo e ad una provvisionale di 5 mila euro.

Commenti