Rimini, cliente aggredito da straniero reagisce e gli cava l’occhio

Aggredito dal magrebino con una catena, l’avventore del bar si è difeso impugnando una sedia: una delle gambe ha infilzato l’occhio dello straniero, che perderà la vista. Allo stremo il titolare del bar: “Non ce la facciamo più con questa gente”

Grave episodio di violenza, l’ennesimo, commesso da uno straniero fuori controllo all’interno di un locale pubblico, stavolta a Santarcangelo, in provincia di Rimini.

All’interno dell’Autobar di via Braschi si è presentato di primo mattino un magrebino armato di catena, il quale ha dapprima distrutto ciò che gli capitava sotto tiro e poi aggredito un cliente che stava tentando di riportarlo all’ordine. L’avventore del locale si è difeso come ha potuto, riuscendo ad infilzare l’occhio dell’extracomunitario con la gamba di una sedia, impugnata come arma per contrastare la catena utilizzata dal magrebino. Quest’ultimo, di cui non si conoscono ancora le generalità, si troverebbe tuttora ricoverato al Bufalini di Cesena in gravi condizioni. L’uomo perderà quasi sicuramente la vista dall’occhio sinistro, a causa del fatto che il bulbo è rimasto gravemente danneggiato.

Il titolare dell’Autobar Stefano Lunedei racconta in prima persona l’episodio sulle pagine de “Il Resto del Carlino”. “Saranno state le 7,40. Nel bar c’erano i due dipendenti, quando è arrivato il magrebino. L’avevamo visto altre volte, e aveva già dato dei problemi”. Pur non sembrando ubriaco, l’uomo ha dato in escandescenze fin da subito. “Aveva in mano la catena di una bicicletta, e ha cominciato a rompere tutto. Era proprio fuori di testa. Ha minacciato uno dei clienti e poi ha iniziato a colpirlo con quella catena”.

A quel punto, la vittima dell’aggressione ha impugnato una sedia per difendersi ed allontanare da sé il facinoroso, centrato nell’occhio sinistro da una delle gambe. Vista la gravità della ferita è stata chiamata un’ambulanza, che ha trasportato il magrebino all’ospedale di Rimini. Qui i medici hanno constatato che il bulbo oculare era letteralmente esploso, ed hanno disposto il trasferimento del ferito presso l’ospedale di Cesena, maggiormente attrezzato per traumi così gravi.

Ignote le generalità del nordafricano, sprovvisto di documenti. I carabinieri di Rimini tenteranno dunque un’identificazione dopo aver rilevato sul ferito le impronte digitali.

Ancora in corso le indagini, con gli inquirenti che si stanno occupando di registrare le testimonianze dei presenti al momento della colluttazione e di acquisire i filmati di alcune telecamere di sorveglianza della zona. Non risulta al momento nessun indagato, anche se l’ultima parola in merito spetterà al magistrato di turno.

Il titolare dell’Autobar si dice estremamente preoccupato per la situazione sicurezza, oramai sempre più fuori controllo. “Con certa gente non ce la facciamo davvero più. I nostri locali sono aperti 24 ore su 24, e con un bar aperto tutta la notte entra di tutto. Questi non hanno paura di niente, e quando arrivano i carabinieri minacciano anche loro. In qualche modo dobbiamo tutelarci, non si può vivere nella paura.”

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Aegnor

Sab, 01/12/2018 - 21:06

Scommetto che quando gli ha infilato la sedia nell'occhio ha smesso di dare in escandescenze, visto come è facile curarli dalle mattane?

maricap

Sab, 01/12/2018 - 21:36

Nel Magreb è in corso una guerra feroce. Cammelli tunisini contro quelli marocchini con incursioni sui campi di battaglia anche di dromedari algerini, Insomma un vero caos dal quale scappano tutti. Vero Sboldrina, vero Grasso? Martina, Fiano & C voi che ne dite?

manfredog

Dom, 02/12/2018 - 00:37

...egregio maricap..troppo spassoso..Saluti. mg.

Ritratto di PollaroliTarcisio

PollaroliTarcisio

Dom, 02/12/2018 - 17:35

I migranti africani devono cominciare a capire che in Italia non sono più visti di buon occhio