Rivoluzione nel mondo del fumo Arriva la sigaretta al gusto caffè

In arrivo un'e-cigarette contenente caffeina, taurina (che si trova anche nella Red Bull) e ginseng

Dicono che oltreoceano i medici stiano già sul chi va là. L’associazione sigaretta-caffè, da sempre piuttosto comune e per molti irrinunciabile nei momenti di break, ora viene vista come una strana coppia, oltre che una trovata dannosa per la salute, da parte dei dottori americani. Sul mercato a stelle e strisce delle invenzioni più impensabili, infatti, è approdata Eagle Energy, la sigaretta elettronica al caffè che unisce il capriccio della bionda all’aroma di un espresso, già in vendita in alcuni bar degli Stati Uniti a 8,99 dollari cadauna e acquistabile online sul sito dell’azienda in confezioni da tre o dieci prototipi.

Si tratta di un vaporizzatore lungo 12 centimetri contenente una riserva di 3 millilitri di liquido composto da caffeina, taurina (che si trova anche nella Red Bull) e ginseng. Gli ideatori spiegano che la singola sigaretta garantisce circa cinquecento tiri e ne servono almeno dieci per eguagliare una tazzina di caffè. Non contiene né calorie né nicotina, ma quel genere di caffeina proveniente dalle foglie di guaranà (pianta amazzonica) preoccupa non poco diversi medici, già scettici a priori sui presunti benefici della sigaretta elettronica. Alterazioni cardiache e aumento della pressione sanguigna sono i rischi in cui, secondo i dottori, si può incappare ricorrendo a questa “tazzina di tabacco”, non esattamente amica dei polmoni. Chi ha fumato una Eagle Energy ha dichiarato di non aver sentito il retrogusto del caffè ma, al contrario, di essersi subito recato al bancone per ordinare un vero espresso. Insomma, viva le vecchie e sane abitudini. E, aggiungiamo noi, magari anche qualche paglia in meno.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Astag

Gio, 20/08/2015 - 21:50

Le sigarette elettroniche vere (non queste usa e getta come quella della philip morris)hanno già milioni di consumatori in Europa, e bastava un minimo approfondimento per sapere che chi le utilizza si crea da solo gli aromi aggiungendo al liquido le cose che più gli piacciono, come ad esempio anche caffè, alcol, ginseng, ecc. L'Italia è diventata superfanalino di coda nell'utilizzo delle ecig, grazie alla supertassa del governo che cerca di favorire gli interessi delle multinazionali del tabacco. La maggior parte degli stati eruopei invece sta promuovendo l'utilizzo delle ecig vere, poiché non sono cancerogene e sanno bene quanti miliardi di euro l'anno andranno a risparmiare in costi sanitari.

Astag

Gio, 20/08/2015 - 21:54

I consumatori europei già utilizzano le sigarette elettroniche (quelle vere non queste usa e getta o come quella della philip morris) al caffè, al ginseng, ecc. Ci mettono quello che vogliono dentro, e spendono molto meno di questi 8,99 dollari.

Astag

Gio, 20/08/2015 - 21:57

Perché non scrivere un articolo dove si dice che le sigarette elettroniche non provocano il cancro? Perché non scrivere un articolo dove si dice che la nicotina pura delle ecig da una dipendenza molto minore, paragonabile alla dipendenza da caffeina del caffè? Perché non dire che il governo italiano (ricordate Renzie che va ad innaugurare uno stabilimento fantasma per il lancio della sigaretta della philip morris) con la supertassa e tenendo nascoste queste cose sta favorendo le multinazionali del tabacco?

Astag

Gio, 20/08/2015 - 22:00

Sarà utile scrivere che mentre gli altri governi europei con i loro organismi sanitari (vedasi UK) stanno incoraggiando il passaggio all'ecig (visti i risparmi in termini di costi sia di vite umane che sanitari nazionali per le malattie del fumo)quello italiano ostacola tutto questo per permettere ancora l'arricchimento delle sole multinazionali a danno dei consumatori e del sistema sanitario nazionale.

Astag

Gio, 20/08/2015 - 22:04

1) le ecig non provocano il cancro 2) non sono state trovare particolari pericolosità ad utilizzarle 3) la nicotina pura è uno stupefacente paragonabile alla caffeina, e la dipendenza che da nelle ecig è paragonabile a quella che da il caffè, non come quella che da la nicotina del tabacco! 4)Il risparmio di vite umane e malattie è enorme, come quello economico, ma qui in Italia vogliono far arricchire gli amici degli amici (bigtobacco) sulla pelle degli italiani (vedi supertassa ecig). Intanto in paesi europei come il nostro sono diventati milioni che usano l'ecig, solo noi siamo al palo, grazie governo!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 21/08/2015 - 00:33

A quando la sigaretta al gusto di rutto da birra?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 21/08/2015 - 00:36

Così uno non perde tempo a bere una birra mentre fuma.