Romeno fa sesso in pubblico e aggredisce chi vuol cacciarlo

Un ventinovenne ubriaco aggredisce l'automobilista che lo aveva pizzicato a far sesso nel proprio cortile di casa: prima il tentativo di estorsione, poi calci e pugni alla macchina

Romeno fa sesso in pubblico e aggredisce chi vuol cacciarlo

È sabato mattina, a Torino. Un uomo scende in cortile per recuperare la propria auto nel box, quando scopre l'imprevisto.

Una coppia completamente nuda intenta a fare l'amore proprio nei pressi del suo garage: una visione che l'ha turbato e lo ha spinto a chiedere ai due di interrompere le proprie effusioni. Quindi si è allontanato a bordo della propria macchina.

È a questo momento che il maschio della coppia, un romeno di 29 anni, ha perso la testa e ha attaccato frontalmente l'automobilista. Prima prendendolo a male parole con l'accusa di averlo "disturbato"; poi pretendendo addirittura il pagamento di cinquanta euro come "risarcimento"; infine tentando di impedirgli l'uscita dal cortile, tempestando l'automobile di calci e pugni.

Una vera e propria esplosione di furia, domata a fatica persino dalle volanti della polizia accorse sul posto. Il romeno, che poi si è scoperto essere in stato di ebbrezza, dovrà rispondere di un lunghissimo elenco di imputazioni: esistenza a pubblico ufficiale, tentata estorsione, violenza privata, danneggiamento aggravato, rifiuto di fornire le generalità e atti contrari alla pubblica decenza.

Commenti