Presenta passaporto falso per il permesso soggiorno, arrestato un senegalese

Presentatosi presso l'ufficio immigrazione per richiedere il rinnovo del permesso di soggiorno scaduto, l'extracomunitario ha consegnato un passaporto senegalese palesemente falso. Scoperto l'inganno, gli agenti hanno provveduto ad arrestare il soggetto

Ha tentato in ogni modo di ingannare gli operatori addetti ai controlli dell'ufficio immigrazione della questura di Salerno fornendo loro una documentazione palesemente contraffatta, ma non è riuscito nel suo intento grazie alla grande attenzione degli addetti ai controlli.

Per questo motivo, proprio durante la mattinata odierna è finito dietro le sbarre del locale carcere Antonio Caputo un giovane cittadino straniero che si è presentato nei locali di largo Giuseppe Ragno per richiedere il rinnovo del proprio permesso di soggiorno oramai da tempo scaduto. Il soggetto, sempre stando a quanto riferito dalle autorità locali attraverso la pubblicazione di un comunicato ufficiale, aveva tuttavia consegnato ai responsabili del servizio un passaporto di nazionalità senegalese evidentemente fasullo, e questo è il motivo per cui è subito scattato l'arresto nei suoi confronti da parte delle forze dell'ordine locali.

Mentre stava effettuando una verifica ancora più approfondita sul documento, infatti, l'impiegato si è reso presto conto di alcune anomalie inerenti i dati anagrafici e la fotografia presenti nella seconda pagina di copertina, che hanno immediaramente destato più di qualche sospetto.

Deciso dunque ad entrare maggiormente nel dettaglio di quegli elementi che avevano fatto sorgere in lui i più forti dubbi, pertanto, l'operatore ha deciso di contattare gli uomini dell'ufficio di polizia di frontiera marina ed aerea di via Ligea e di via Olmo, chiedendo loro di prendere visione delle generalità e dei codici inseriti nel passaporto e di verificare infine se il documento fosse effettivamente valido oppure no.

Dopo aver analizzato i codici di sicurezza impressi sulla carta, i poliziotti hanno in breve trovato conferma di quelli che erano stati i dubbi avanzati da parte dell'impiegato, arrivando infine a dichiarare falso il documento presentato dall'extracomunitario durante la richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno.

Con l'accusa di detenzione di documento valido per l’espatrio falsificato, il giovane immigrato è stato quindi subito ridotto in manette e dichiarato in arresto dagli agenti della squadra mobile di Salerno.

Sottoposto alle consuete operazioni di identificazione all'interno degli uffici della locale questura, è risultato essere un giovane senegalese di 21 anni, tale D.M., che per il momento si trova detenuto dietro le sbarre della casa circondariale di Fuorni (Salerno) ed è in attesa di giudizio direttissimo, previsto per i prossimi giorni.

Tuttora in corso le doverose indagini da parte degli inquirenti, che si sono subito attivati per tentare di risalire alla provenienza del documento contraffatto, così da punire gli stessi falsari che lo hanno prodotto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Kino

Dom, 10/11/2019 - 18:27

Nome completo cortesemente

Italianocattolico2

Dom, 10/11/2019 - 19:52

Il Senegal non è in guerra con nessuno, non è afflitto dalla fame e sta attraversando una fase di sviluppo industriale con investimenti sia locali che stranieri. Allora questo selvaggio torni nel suo paese a lavorare invece che stare in Italia a fare danni. Basta con questa invasione, smentita come sempre dai comunisti abusivamente al governo. In prima fila a sparare balle ci sono il ministro degli interni e la sindacalista pasionaria di Renzi che reclama più immigrati per farli lavorare nei campi tramite i caporali controllati da lei.

cgf

Dom, 10/11/2019 - 21:52

@Italianocattolico2 guardi che esistono i suoi perché se abbiamo così tanti senegalesi, dovrebbe ringraziare Veltroni. Già, è roba vecchia, oltre 10 anni fa, tempi non sospetti quando l'allora sindaco… Ecco si domandi come mai, nonostante la solenne promessa, non è mai più partito per quella destinazione.