A Sanremo un pellegrinaggio penitenziale per guarire dal coronavirus

I fedeli del Santuario della Madonna della Costa di Sanremo hanno organizzato un pellegrinaggio penitenziale, guidato dal vescovo diocesano, per chiedere la grazia della liberazione e la guarigione dall'epidemia di coronavirus

A Sanremo un pellegrinaggio penitenziale per guarire dal coronavirus

Un pellegrinaggio penitenziale per chiedere la grazia della liberazione e la guarigione dall'epidemia di coronavirus. Se non ce la fa la scienza, insomma, ci proviamo con la preghiera. L'iniziativa è partita dai fedeli del Santuario della Madonna della Costa, il simbolo di Sanremo. L'appuntamento è per sabato 7 marzo e a guidare il pellegrinaggio, che partirà dalla chiesa di San Costanzo alle 8 del mattino, per arrivare alle 8.30 alla Madonna della Costa, dove è in programma una messa, sarà il vescovo diocesano Antonio Suetta.

Obiettivo: "impetrare la Grazia della salute per la diocesi di Ventimiglia e Sanremo. "In questi giorni, la diffusione del coronavirus ha riportato alla mente l’ultima grande pandemia che ha colpito l’Europa: l'influenza spagnola - spiegano gli organizzatori -. Oggi, nessuno pensava che potesse ripresentarsi una situazione di tale gravità, che la medicina del nostro tempo stenta a controllare. È quindi importante confrontarsi con le cronache del passato sugli eventi accaduti sul nostro territorio".

Come fonte storica, i fedeli prendono in esame il libro di suor Elena Borea, dal titolo: "La storia del santuario della Madonna della Costa”. Un capitolo, guarda caso, è proprio dedicato alla devozione dei fedeli manifestatasi durante le epidemie per impetrare l’intervento miracoloso della "Vergine": nel 1656-57 con la peste: nel 1818 con il tifo e nel 1835 il colera. Il 2020, qualora ce ne fosse un'edizione aggiornata, entrerà nella storia come l'anno del coronavirus o covid-19.

"Ogni volta si svolsero novene e processioni penitenziali che si ripetevano durante il corso della malattia fino al suo termine - proseguono gli organizzatori -. È particolarmente rilevante il voto che si fece nell’ultimo caso per la completa esenzione dal colera di tutti gli abitanti di Sanremo, compresi quelli che risiedevano a Marsiglia, tutti si erano rivolti alla Madonna con preghiere e penitenze affinché questo flagello, che imperversava altrove, non colpisse la città".

In questo caso si fece un voto che ancora oggi si adempie. É infatti riportata la delibera nella quale si stabilisce che per ringraziare la straordinaria preservazione dal colera di tutti i sanremesi, che intensamente avevano pregato per ricevere questa grazia, “si fa voto solenne per tutto il tempo a venire doversi rinnovare il triduo e la processione con il quadro della Madonna in forma di giubileo che si rinnoverà in forma di 'Quindennale' (cioè ogni quindici anni, ndr) per ottenere un’indulgenza".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti