Scuola, lezioni fino al 30 giugno e maturità dal 16 giugno. "Ma esami solo orali"

Questo il piano del ministro Bianchi per cercare di recuperare il tempo perso. Le lezioni riprendereanno a settembre con una settimana di anticipo

Il neo ministro dell’Istruzione, il professor Patrizio Bianchi, sembra avere le idee chiare per quanto riguarda la scuola e un modo per cercare di recuperare il tempo perso. Senza dimenticare gli esami di Maturità ormai prossimi. Sembra infatti che partiranno il 16 giugno, quando ancora le lezioni saranno in corso, dato che queste dovrebbero terminare il 30 giugno.

Il piano del neoministro per la scuola

Dopo soli cinque giorni dal suo insediamento, Bianchi ha già parlato con quasi tutto il mondo della scuola, incontrando di persona o tramite webcam presidi, uffici scolastici, regioni, Invalsi, il Cts, le associazioni dei trasporti e presto anche i sindacati. Fondamentale secondo l’ex assessore, parlare con chi è sul campo e con le amministrazioni regionali, in modo da trovare un’azione omogenea condivisa da tutti. Cosa che è decisamente mancata con il governo precedente e con il ministero guidato da Lucia Azzolina. Per il momento il termine delle lezioni, a seconda delle Regioni, varia dal 5 al 16 giugno. Il ministro vorrebbe invece prolungarle fino a mercoledì 30 giugno, con l’obiettivo di recuperare un po’ del tempo perso.

Le scuole dell’infanzia già chiudono a fine giugno e si deve tenere presente che le elementari e le medie sono costrette alla distanza da marzo a giugno. Per quanto riguarda le superiori, sono ancora al 50 per cento, tranne Abruzzo e Alto Adige, dopo lunghi periodi di didattica a distanza. Non sembrano però favorevoli all’idea i dirigenti scolastici, e del tutto contrari i professori e gli studenti. Il ministro ha però parlato di recuperi necessari sia al Sud che nei territori interni, le zone maggiormente in difficoltà. Tra la giornata di oggi e quella di lunedì Bianchi incontrerà i sindacati e alcuni gruppi di precari. Il ministro, come riportato dal Corriere, ha comunque sottolineato che “la competenza sul calendario è delle regioni che in situazione ordinaria decidono cosa fare in base alle specificità dei territori”.

Come sarà l'esame di Maturità

A breve Bianchi dovrebbe annunciare il suo primo provvedimento, quello riguardante la prova di Maturità 2021 che inizierà da metà giugno, quando le lezioni saranno ancora in corso. Ha subito chiarito di non voler sentire parlare di tesina, perché i maturandi sono ragazzi e ragazze alla fine del loro percorso scolastico durato cinque anni:”Dovranno preparare un elaborato ampio, personalizzato, sulle materie di indirizzo concordandolo con il consiglio di classe. Lo discuteranno con la commissione, composta dai loro insegnanti. Da qui comincerà l’orale che si svilupperà poi anche sulle altre discipline. Consentiremo loro di esprimere quanto hanno maturato e compreso nel corso degli anni anche con una visione critica” ha spiegato. L’ammissione all’esame dipenderà dalla decisione presa dal consiglio di classe durante lo scrutinio finale.

Si parte il 16 giugno

Il 16 giugno, giorno già fissato in precedenza per la prima prova, quella di Italiano, verrà confermato come avvio degli orali. Anche quest’anno non ci saranno infatti le prove scritte, al loro posto un lungo orale. I test Invalsi, che inizieranno il primo marzo per le quinte classi, verranno utilizzati solo per comprendere lo stato di preparazione degli studenti e non avranno però alcun valore per l'esame di Stato. L'esame avrà le caratteristiche di quello svolto l’anno scorso: ogni mattina ci saranno 5 candidati che verranno chiamati singolarmente per sostenere l'orale. Se la stagione scolastica si concluderà il 30 giugno, i maturandi affronteranno la prova finale mentre nelle altre classi si staranno svolgendo ancora le lezioni regolari. Le bocciature ci saranno, se necessarie. Ma anche quest’anno verrà chiesto ai professori di tenere conto del secondo anno speciale che gli alunni hanno vissuto.

Il neoministro dell’Istruzione ha ringraziato sia il presidente Draghi per l’importanza data alla scuola, sia i docenti e il personale scolastico che hanno lavorato in modo eroico durante questi mesi difficili, utilizzando strumenti digitali fino a poco tempo fa sconosciuti. “ La prima cosa da fare è vaccinare tutti gli insegnanti e il personale, anche i più grandi di età. Solo se loro saranno in sicurezza le scuole saranno sicure anche per i ragazzi e le famiglie", ha concluso Bianchi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

rossetti

Ven, 19/02/2021 - 11:47

Non sia mai,i sindacati sono già sul piede di guerra.

arieccomi

Ven, 19/02/2021 - 11:48

Gli studenti italiani frequentando tutti i gg la scuola sono e rimangono i giovani più ignoranti d’Europa. Immaginate i diplomati del 2020 e del 2021 saranno ancora più ignoranti. Però i genitori non devono preoccuparsi pensate a di maio da venditore di snack allo stadio San Paolo a ministro degli Esteri.

jaguar

Ven, 19/02/2021 - 12:57

Non si possono scombussolare così i piani vacanzieri dei docenti.Riguardo gli studenti, per loro è una pacchia come lo scorso anno, solo esami orali e naturalmente tutti promossi. Che schifo.

ulio1974

Ven, 19/02/2021 - 14:59

"Non sembrano però favorevoli all’idea i dirigenti scolastici, e del tutto contrari i professori e gli studenti." Ma va? E chi l'avrebbe mai detto???

Happy1937

Ven, 19/02/2021 - 15:05

Ma dovrebbero arrivare al 30 Giugno anche quelli di prima media che hanno sempre avuto la scuola in presenza? Non mi sembrerebbe giusto.

Pat2008

Ven, 19/02/2021 - 15:34

Questo vuol dire che, durante i mesi di chiusura delle scuole, tutti i docenti che hanno lavorato da casa a orario completo potevano benissimo evitare di farlo, visto che il loro impegno e la loro abnegazione vengono considerati irrilevanti. A tutti i "commentatori" che facilmente sparano a zero sulla scuola non avendone probabilmente mai frequentata una, vorrei far provare cosa significa gestire una classe di trenta studenti da dietro uno schermo, e quanta fatica questo comporti per il docente che cerchi davvero di far arrivare qualcosa ai ragazzi. Certo, ovviamente non è faticoso come fare il fabbro o il minatore, per lo meno dal punto di vista muscolare (che è l'unico tipo di fatica che certa gente capisce). Ma chi ha detto che fabbri e minatori che non hanno mai aperto un libro in vita loro debbano essere paragonati a chi ha studiato tutta la vita per fare il lavoro che fa? Adesso un muratore e un ingegnere edile possono essere messi a confronto? Unicuique suum...