Ecco gli abiti imposti alle borsiste: "Gonna corta per look estremo"

Le regole sui vestiti da indossare per i borsisti della scuola per aspiranti magistrati "Diritto e Scienza" di Francesco Bellomo

Un vero e proprio dress code. Sarebbe questo il lungo elenco di regole su come gli aspiranti magistrati della scuola "Diritto e scienza" (diretta da Francesco Bellomo) dovevano vestirsi. Scarpe, firme da comprare, outfit diviso in base alle occasioni, da quelle "mondane" a quelle burocratiche.

"Nello svolgimento delle attività inerenti al suo ruolo - si legge nel documento reso noto da Repubblica - il borsista dispone di un look". Segueno tre esempi molto dettagliati sia al maschile che al femminile. Per le donne il primo outfit da esporre è quello "estremo" (da usare per "eventi mondani" o "di volta in volta indicati") che prevede "gonna molto corda (fino a 1/3 della lunghezza tra giro vita e ginocchio), sia stretta che morbida più mablioncino o maglina, oppure vestitino". Il secondo è "intermedio" (per i corsi e i convegni), con "gonna corta (da 1/3 a 1/2 della lunghezza tra giro vita e ginocchio), sia che morbida più camicetta, oppure vestito morbido, anche senza maniche". Terzo, l'abito "classico" da sfoggiare agli eventi burocratici: "gonna sopra il ginocchio (da 1/2 a 2/3 della lunghezza tra giro vita e ginocchio), diritta più camicetta, oppure tailleur, oppure pantaloni aderenti più maglia scollata. Alternati".

Secondo il contratto riportato da Repubblica, particolare attenzione andava posta anche alle calze. "Nella stagione invernale calze chiare o velate leggere, non con pizzo o disegni di fantasia; cappotto poco sopra al ginocchio o piumino di colore rosso o nero, oppure giacca di pelle". Per quanto riguarda le scarpe, invece, il tacco poteva andare da 8 a 12 centimetri, ma rigorosamente "non a spillo". La borsa doveva essere "piccola", il trucco "calcato o intermedio" per "valorizzare gli zigomi e le sopracciaglia". Il rossetto doveva essere "preferibilmente" rosso acceso, lo smalto sulle mani "chiaro o medio (no rosso e no nero), oppure french".

Dalle rigide regole non sfuggivano neppure gli uomini, anche se le attenzioni per i maschietti erano meno marcate. Il look "estremo" (da usare per "eventi mondani") era fatto di jeans strappati più maglia aderente, ovvero pantaloni più maglietta di tendenza". Per il livello intermedio (per i corsi e i convegni), bastava indossare "jeans eleganti più camicia, oppure pantaloni diritti più camicia o maglia classica". Infine, l'outfit classico per gli eventi burocratici con "pantaloni classici, camicia e giacca". Anche in questo caso bisognava far attenzione ai colori: pantaloni solo di colore nero e grigio (ammesso il bianco in estate) e camicia bianca. Per i jeans la scelta poteva andare da quelli azzurri a quelli blu. Per i cappotti solo quello "diritto oppure giacca di pelle". Come poteva mancare l'indicazione sulle "firme da prediligere"? Ammessi solo Armani, Dolce & Gabbana e Versace. Per le scarpe solo quelle in cuoio nero e, quando in occasioni "estreme" si indossano i jeans, Nike o Hogan.

Da qualche giorno Bellomo continua a difendersi: "Sono sorpreso della rilevanza della notizia - ha detto a Repubblica - certo non di interesse pubblico. Non do peso alla vicenda che ha contorni ridicoli, i miei allievi ridono per le accuse surreali. Siamo nel mondo del grottesco, c' è un' evidente deformazione della realtà, i fatti non stanno così. Non posso entrare nel merito, ma i fatti non hanno nulla a che vedere con la mia attività di consigliere di Stato".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

chebarba

Mar, 12/12/2017 - 08:56

se le donne si riappropriassero della propria digità di esseri pensanti e la smettessero di preoccuparsi più della piega che del loro valore, il che non significa rendersi racchie ma di non mettere avanti solo e sempre l'aspetto, non vivremmo questo ritorno agli anni '50... e basta... ma le prime devono essere le donne a non puntare sull'aspetto per avere la strada spianata... vedrai che poi certi maschi dovranno adeguarsi, ma le prime a sculettare e bamboleggiare e strumentalizzare sono proprio le donne

chebarba

Mar, 12/12/2017 - 08:58

e ancora peggio ora anche i maschi vengono trattati come pupazzi... ma non vi preoccupate di ciò che questo comporta???

rossini

Mar, 12/12/2017 - 08:58

E pensare che gente così, e infatti non ce n'è solo uno, perché, come il Gatto e la Volpe, accanto al magistrato amministrativo, c'è anche un sostituto procuratore della Repubblica, ha in mano i diritti e la libertà della gente. Ma in mano a chi stiamo? Possibile che dobbiamo avere paura di imbatterci in questi squilibrati mentali che indossano la toga? Perché non introdurre un esame periodico sull'equilibrio psichico di chi esercita sui suoi simili un potere tanto grande?

chebarba

Mar, 12/12/2017 - 09:02

posso capire il dress code per evitare che le persone si presentino in bermuda e infradito, sporche o trasandate, troppo scollate o inadeguate,e di certo i jeans strappati non sono adeguati, neanche il trucco marcato, neanche i pantaloni stretti ecc come invece pensa questo genio incompreso, ma date delle direttive di buon senso il colore il tipo di abbigliamento me lo scelgo io a gusto mio certo non me lo faccio imporre dal primo cre..no che passa e sa il cielo come è arrivato al posto che occupa..

Mechwarrior

Mar, 12/12/2017 - 10:25

Tipico esempio di come viene gestita la magistratura e in totale lo stato italiota.