Cronache

"Come sei carina". E lo sconosciuto picchia la 35enne che fa la spesa

La 35enne è stata presa a calci e pugni da uno sconosciuto mentre faceva la spesa al supermercato. L'uomo è ancora ricercato dalla polizia

"Come sei carina". E lo sconosciuto picchia la 35enne che fa la spesa

Calci e pugni al volto da uno sconosciuto mentre faceva la spesa. Un'aggressione selvaggia che ha rischiato di finire in tragedia quella avvenuta ai danni di Nicoletta A., 35enne di Gallarate (Varese), in un supermercato Carrefour. La donna ha riportato una profonda lesione alla mandibola e la frattura del setto nasale; l'aggressore non è ancora stato fermato.

"Come sei carina", poi le botte

Picchiata con ferocia da un perfetto sconosciuto. È ancora sotto choc Nicoletta per il vile assalto di cui è stata inaspettatamente vittima: "Ho tanta paura che mi si ripresenti davanti e mi faccia ancora del male", racconta al quotidiano Il Giorno dal letto di ospedale dove è ricoverata ancora sotto choc.

Tutto ha inizio domenica mattina. La 35enne sta facendo la spesa al Carrefour quando dal fondo di una corsia sbuca uno sconosciuto. "Come sei carina", le sussurra nel tentativo di agganciarla. Nicoletta lo ignora finché le avances diventano esplicite ed insistenti. A quel punto prova a defilarsi ma l'uomo, un italiano sulla quarantina, ha una reazione del tutto imprevedibile.

In men che non si dica, lo sconosciuto aggredisce la giovane donna con calci e pugni al volto. Nicoletta chiede aiuto: il suo volto è completamente tumefatto e insanguinato.

"Nessuno è intervenuto"

Stando a quanto riferisce l'avvocato della vittima, Pietro Romano, l'intervento del personale sarebbe stato tardivo. "Nessuno degli addetti alla sicurezza ha tentato di fermarlo", spiega il legale che ora intende accertare la dinamica dell'accaduto. "Abbiamo già presentato la denuncia - continua -. In questa vicenda ci sono state omissioni. Nicoletta ha gridato due volte a una cassiera di chiamare la vigilanza, prima che un pugno le facesse perdere conoscenza. Ci sono testimoni oculari che hanno confermato la dinamica: è stata colpita al volto e alla nuca mentre già si trovava a terra".

Diversa la versione dei fatti fornita dalla dirigenza Carrefour: "nonostante la dinamica molto rapida con cui si è verificata l'aggressione, gli addetti alla sicurezza sono intervenuti il più tempestivamente possibile, soccorrendo la vittima. Stiamo inoltre collaborando con le forze dell'ordine per identificare l'aggressore", chiariscono con una nota riportata da Il Giorno.

Lo sconosciuto è ancora in fuga

L'aggressore di Nicoletta non è ancora stato intercettato. A quanto pare si tratterebbe di un cittadino italiano, con gli occhi scuri e di media statura, sulla quarantina.

C'è però un dettaglio inquietante che emerge dalla vicenda. Due anni fa, nello stesso punto spesa, un'altra donna era stata aggredita con la stessa ferocia e le medesime modalità di approccio: dapprima le avances poi, le botte. In quella circostanza, la vittima era riuscita a dileguarsi rapidamente.

Commenti