Selvaggia Lucarelli punge Salvini. "È un generatore di banalità"

La regina italiana dei social network non può essere che Selvaggia Lucarelli. In un articolo la famosa giornalista e blogger descrive il profilo facebook di Matteo Salvini, senza tralasciare qualche affondo

Selvaggia Lucarelli punge Salvini. "È un generatore di banalità"

Selvaggia Lucarelli è nota per i suoi post pungenti. Caratteristica che non perde negli articoli: è una prova quello pubblicato su Il Fatto quotidiano in cui critica Matteo Salvini e il suo uso prevedibile e banale dei social network: "Come andare al mare tutti gli anni nello stesso stabilimento".

"Salvini è un anti-stress"

La Lucarelli scherza, irride il leader del Carroccio. Ne delinea un simpatico modus operandi dei post che Salvini pubblica su Facebook: ben 6 modelli. Il primo è quello che la giornalista definisce come "Post patriottico-culinario". La teoria è quella che per dimostrare la vicinanza agli agricoltori, produttori e prodotti, "Salvini cavalca un nazionalismo della porchetta" scrive la lucarelli, poi affonda il colpo: "Poco importa se i pomodori li abbia raccolti un somalo per due euro l'ora, tanto poi si lavano". Secondo nella lista è il "Post Steve Mc Curry", in cui la blogger ironicamente spiega come il leghista racconti le condizioni dei migranti in Italia: "Scatta una foto a 10 ragazzi di colore che una domenica pomeriggio giocano a calcio in un campetto polveroso e commenta: 'Ecco i clandestini duranta una dura giornata di lavoro'".

Segue il "Post fomenta-cowboy", descritto come "il Viagra" e che fa riferimento al tema della legittima difesa. Poi troviamo il "Post 'voi cosa fate?". Ovvero: "Alle 8 scrive che bisogna bombardare i barconi [...] alle nove scrive cosa fa sul diano di casa sua come fosse Melissa Satta": precisa Selvaggia. "Almeno una volta al giorno Salvini deve scrivere un post contenente l'aggettivo buonista, altrimenti il suo sistema nurovegetativo va in crash come Windows", questo non può essere che il "Post contenente la parodia buonista". La descrizione del profilo Facebook del leader della Lega Nord si chiude con "Post con gaffe", quello in cui "scappa qualche minchiata". Ma la Lucarelli ci tiene a sottolineare come Salvini sia "un loop infinito di cazzate che nella loroo continuità rilassano e rasserenano. Se uno si dimentica che qualcuno lo prende sul serio, naturalmente".

Commenti