Il virus nel girone dei disperati: "Sempre più italiani per strada"

Abbiamo passato del tempo con i volontari della Croce Rossa Italiana, impegnati a portare un pasto caldo ai senza tetto che, in questo momento in cui tutti dobbiamo restare a casa, una casa non ce l'hanno e sono costretti a vivere per strada

“State a casa” si legge sulle lenzuola appese dai balconi. Chissà cosa avrà pensato Concetta mentre lo leggeva dal basso verso l’alto. Stesa sul suo letto di cartone. “Sono qui dal due di marzo” ci racconta mentre i ragazzi della Croce Rossa Italiana le stendono una coperta sulle gambe. Per “qui” intende lo scalino di un bar chiuso a Largo Torre Argentina, Roma. “Ad aprile dovrò andarmene, riapriranno”, dice. Il proprietario di quell’attività sà bene già da tempo che non è così. A lei, che vive per strada senza essere travolta dall’ondata di notizie, rimane ancora quella speranza che tutto sia già finito e l’unica cosa a travolgerla in queste notti di inizio aprile è il freddo che ancora non lascia spazio alla primavera. Un vera congiura.

Due chiacchiere, un pasto completo e mezzo litro di thè lasciato nel suo zaino appoggiato sull’asfalto. Salutarla spezza il cuore. Ma gli uomini della Croce Rossa devono proseguire. Sono tante, tantissime, le persone da andare a trovare questa notte buia. Il silenzio fa da protagonista per le strade del centro di una Roma spettrale come non mai. I fagotti di coperte appoggiati alle pareti ai lati della strada svelano l’assurdità dell’esistenza di due mondi che ancora riescono a convivere. Chi si lamenta perché vuole uscire dalla propria casa. Si sente agli arresti domiciliari. Sbraita dalle inferriate delle finestre. E chi, invece, una casa non ce l’ha e forse, se davvero riuscisse a trovarla, da lì non uscirebbe per un po’. “Quando siamo in servizio prepariamo circa 50 pasti completi da distribuire”, ci spiega Emiliano. Non è una corsa la loro. Ma una staffetta lenta e curata. “Spesso qualcuno non vuole niente, ha solo bisogno di parlare. Sono persone sole. Fanno più due parole che del del cibo”, ci racconta.

Mentre li seguiamo con l’auto il ticchettìo della pioggia fine scandisce i minuti. Dalle gocce sul parabrezza vediamo i ragazzi con la tuta arancione avvicinarsi piano ad una signora col capo fasciato e la schiena appoggiata ad un muro. Dobbiamo stare distanti, i clochard potrebbero impaurirsi e poi “qualcuno si vergogna a farsi vedere così dalla telecamera”, precisa la volontaria della Croce Rossa. Ci avviciniamo piano piano. È una donna italiana, sulla sessantina. Gonna al ginocchio, calze che coprono solo fino al polpaccio. Niente coperte, né cibo. Lo sguardo impaurito. La voce fioca.

“Sono moltissime le persone italiane che vivono per strada. Stiamo notando sopratutto negli ultimi giorni un notevole aumento di persone che si rivolgono a noi anche vivendo in una casa, per avere dei pacchi alimentari. Stiamo vivendo nell’emergenza un dramma nel dramma e il problema sarà sicuramente nei prossimi mesi dove vedremo probabilmente un notevole aumento della povertà”, ci spiega la volontaria.

Ci sarà sempre più bisogno di sostegno. Quel sostegno che lo Stato non sta riuscendo a dare. Ed è questo che non fa fermare i volontari. Impauriti questo è certo. Perché il virus non risparmia nessuno. Neanche i più coraggiosi. Non premia i buoni. Non schiva chi fa del bene e loro questo lo sanno bene. “Abbiamo doppi guanti, mascherine, di tutto. Per noi e anche per quelli che incontriamo, che al contrario nostro non hanno protezioni e rischiano in ogni momento di essere attaccati dal mostro invisibile”, ammette Stefano. E nella propria disperazione c’è chi si consola, convinto di non aver niente da perdere. “Hai paura del virus?”, chiediamo a George mentre sistema la sua tenda per non far penetrare la pioggia. “Se io ho paura del virus? Se muoio oggi o muoio domani cosa cambia?”

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Redfrank

Ven, 03/04/2020 - 17:44

ma l'italia comprende lombardia veneto ed emilia e basta ?????????????????????????la rai fa vedere il direttore dell'ospedale di milano, di piacenza, di pavia.........quando si cade nell'errore si collega con lo spallanzani di roma.............ma sapete che esiste napoli, potenza,bari, lecce , salerno campobasso.............................o forse bisogna che impariate la geografia dell'italia..........................

gjallahorn

Ven, 03/04/2020 - 17:47

Se sono stranieri un foglio di via con certificazione esente da COVID 19, altrimenti un bel bando di arruolamento per lavori socialmente utili, pulizia, posto letto e piccolo contributo economico. Per arruolare medici e sanitari da mandare al macello senza mascherine negli ospedali il governo non si è fatto scrupolo, perché la loro responsabilità nella pandemia e i loro ritardi sono ormai palesi e innegabili.

Happy1937

Ven, 03/04/2020 - 17:49

Con gli italiani senza casa e senza cibo il Governo sciagurato sperpera i soldi regalando 50 milioni di Euro alla Tunisia, 21 milioni di Euro alla Bolivia e 500 milioni di Euro alla Cooperazione Internazionale.

fj

Ven, 03/04/2020 - 17:54

Non è che lo Stato il sostegno non riesce a darlo. Non vuole darlo. Prima decide che qualche milione di italiani devono passare indenni la crisi e poi constata che per tutti gli altri sono rimaste solo briciole, e sono altrettanti milioni di italiani!! Purtroppo ognuno ha i suoi sostenitori.

leo_polemico

Ven, 03/04/2020 - 17:57

Gli italiani "poveri", con un po' di dignità, vivono per strada: in compenso migliaia di clandestini vivono, completamente a nostre spese, vivono in alberghi e centri di accoglienza. E hanno anche la faccia tosta e la prepotenza di lamentarsi...

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 03/04/2020 - 18:10

@Happy1937 17:49...non solo....in piena emergenza Coronavirus,il Comune di Val di Chy(Valchiusella-Piemonte),il 12.03.2020 ha aperto un Bando per 20 "richiedenti asilo e rifugiati"...per un importo totale di € 963.000 erogabili in 4 anni...!!La complessità del bando è fatta apposta per favorire i soliti "addetti ai lavori"...e come al solito mantenere attiva la mangiatoia dell'accoglienza,con tutti gli "annessi e connessi",e gli "effetti collaterali",che ben conosciamo....Ennesima schifezza!....E gli Italiani?....Chissenefrega!

Ilsabbatico

Ven, 03/04/2020 - 18:24

@Leo_polemico....verissimo. E mi permetto pure di aggiungere che protestano e spaccano tutto perché vogliono pure i soldi, non solo vitto e alloggio.

Ritratto di Thorfigliodiodino

Thorfigliodiodino

Ven, 03/04/2020 - 18:29

Se questi sono Italiani, mi pare giusto che siano portati al coperto e ben nutriti, perdio, da uno Stato che dilapida soldi per quattro immigrati strafottenti e ben pasciuti che NON hanno alcun diritto d'entrare! Piuttosto, il silenzio assordante e l'inerzia del VATICANO, che non porta neppure una tazza di caffè a questi poveretti, e sono in Roma, è rumoroso come una bomba. Che vergogna per questi preti e cardinali e papi, che parlano e parlano e poi lasciano crepare a due passi da loro questi senza tetto! Che risata da fare alle loro prediche, quando poi avviene quello che avviene per le strade di Roma! Che poderosa risataccia alla Rabelais da fare in faccia ai cattocomunisti, buonisti, preti, frati, suore, vescovi, papi, che non sono neppure capaci di ottemperare alla più elementare regola da loro predicata!

trasparente

Ven, 03/04/2020 - 18:45

Nessuno si accorge della sostituzione illegale di un popolo?

Ritratto di ..coviDEL.pd..

..coviDEL.pd..

Ven, 03/04/2020 - 19:59

ANCHE GLI ERGASTOLANI AVRANNO DIRITTO AD UN'ORA D'ARIA