Cronache

Il sessantottino Negri ora sogna la Merkel: "Governi lei l'Italia"

In un'intervista a Vanity Fair l'ex leader sessantottino si dice disilluso verso la politica italiana e sogna una presa di potere da parte di Bruxelles

Il sessantottino Negri ora sogna la Merkel: "Governi lei l'Italia"

"Potere al popolo", si diceva una volta. Nel Sessantotto, per la precisione, quando i giovani iniziavano la contestazione contro il mondo dei loro genitori e dei loro nonni e le piazze erano divise fra bande di opposti estremismi politici.

Fra i leader della sinistra di allora c'era, col famosissimo Mario Capanna, anche Toni Negri. Che oggi, a cinquant'anni da quegli avvenimenti, torna a parlare di potere. E si augura che in Italia sia preso dal capo di governo della Germania.

In un'intervista a Vanity Fair, il leader sessantottino esprime tutta la propria disillusione nei confronti della politica italiana. E individua la soluzione fuori dai confini nazionali. "Mi auspico che Bruxelles prenda le redini dell’Italia dopo il 4 marzo. Non lo desidero, per me la burocrazia europea è il grande nemico. Però è meglio avere qualcosa, che il nulla più completo. Angela Merkel, fatti avanti…"

Parole che raccontano tutta la sfiducia in una classe

politica a cui Negri non accorda più nemmeno l'ultima possibilità. Chissà, forse una volta avrebbe imbracciato la bandiera rossa e sarebbe salito sulle barricate. Nel 2018, però, forse è più comodo affidarsi ad Angela Merkel.

Commenti