Si rovescia barcone: "49 morti soffocati nella stiva"

L’imbarcazione trasportava circa 400 persone, i migranti nella stiva sarebbero morti per soffocamento

Si rovescia barcone: "49 morti soffocati nella stiva"

Ci sono almeno 49 morti su un barcone carico di immigrati soccorso dalla nave "Cigala Fulgosi" della Marina militare nel Canale di Sicilia. A bordo dell’imbarcazione circa 400 persone. Il barcone è stato individuato nelle acque internazionali a nord della Libia. Il comandante dell’unità della Marina "Cigala Fulgosi", intervenuta sulla scena, Massimo Tozzi, ha fatto sapere che sono 319 i migranti tratti in salvo, di cui alcuni minori ed una decina di donne. I morti sono nella stiva. La causa del loro decesso è l’inalazione dei gas di scarico, dovuta al fatto che in questo tiPo di viaggi chi paga di più può restare sul ponte. "Una scena a forte impatto emptivo, c’erano diversi cadaveri immersi in acqua, combustibile ed escrementi umani", ha detto il comandante, "questo il quadro che si è presentato ai nostri uomini quando sono saliti a bordo".



Il ministro degli interni Angelino Alfano ha precisato che "siamo intervenuti in soccorso, non nelle nostre acque territoriali. Abbiamo ancora una volta il merito di averne salvati 320". "Una scena a forte impatto emotivo, c’erano diversi cadaveri immersi in acqua, combustibile ed escrementi umani - ha detto ancora Tozzi - questo il quadro che si è presentato ai nostri uomini quando sono saliti a bordo". Tozzi ha poi spiegato: "I morti sono nella stiva. La causa del loro decesso è probabilmente l'inalazione dei gas di scarico, dovuta al fatto che in questo tipo di viaggi chi paga di più può restare sul ponte". In ogni caso sarà l'autopsia a stabilire se le vittime sono morte per il caldo o per i fumi del motore del barcone entrati nella stiva.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti