Si sveglia da coma con 24 fratture. E rivela? "Incidente? No, voleva uccidermi"

Giovanni Antonio Pedranghelu, 35 anni, di Nughedu San Nicolò (Sassari) si è risvegliato e con lui anche una rivelazione choc: "Qualcuno voleva uccidermi. Ho visto i fari e una grossa auto mi ha travolto"

Un polmone perforato e ben 24 fratture. In coma, e secondo in medici con "poche speranze" di sopravvivere. Eppure il paziente, Giovanni Antonio Pedranghelu, 35 anni, di Nughedu San Nicolò (Sassari) si è risvegliato e con lui anche una rivelazione choc: "Qualcuno voleva uccidermi. Ho visto i fari e una grossa auto mi ha travolto".

I ricordi

Giovanni sarebbe stato investito da un auto, che gli sarebbe passata sopra per due o tre volte. Poi credendolo morto, il guidatore lo ha scaraventato in un dirupo. È vivo grazie a un automobilista che lo ha notato, l'ha soccorso e ha chiamato il 118. Si riprenderà ma ha paura: "Ho detto tutto ai carabinieri, sanno chi è, ma circola in paese liberamente". La madre lo ha già portato via dall'ospedale al grido di "là non era al sicuro" e lo ha nascosto in un luogo segreto.

Sembra una storia di spionaggio: "Ero al bar, sono uscito con uno che conoscevo bene, siamo saliti sulla sua auto per andare in campagna a prendere del vino per una festa. Sono sceso davanti al cancello…". I ricorsi sono annebbia: "...ma che un’auto mi sia passata sopra — racconta a La Nuova Sardegna — questo lo ricordo bene".

L'indagine

I carabinieri dopo la denuncia del 35enne si sono messi all'opera per assicurare l'aggressore alla legge. Interrogato il propietario dell'auto si sono sentite dire che "alle 21,30 di quella sera ero a casa, già a letto". Un alibi - come si legge sul CorSera - smentito: in molti lo hanno visto al bar. Inoltre uno scarpone dell'automobilista è stato trovato nel viottolo in cui è stato abbandonato Antonio. Ma interrogato dai militari nega ancora: "Sì, l’avevo perduto giorni prima". Solo le perizie sul pickup finito sotto sequestro chiariranno il mistero.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

seccatissimo

Lun, 09/04/2018 - 11:47

Roba da matti ! Ma l'Italia è diventata un inferno !

adal46

Lun, 09/04/2018 - 13:21

Beh, l'Asinara è ancora li..... e il carcere è in uno stato adeguato per una lunga permanenza per tipi così.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 09/04/2018 - 16:03

Si avevi perso lo scarpone proprio li, ma guarda che sfortuna.

sparviero51

Lun, 09/04/2018 - 20:17

CAPPITTO MI HAI ???