"Si va a Reggio, non a Cagliari": ora sono gli immigrati a scegliere dove sbarcare

Profughi in rivolta: "Vogliamo andare in Calabria, non in Sardegna". E il capitano cambia rotta

"Si va a Reggio, non a Cagliari": ora sono gli immigrati a scegliere dove sbarcare

I migranti non volevano sbarcare in Sardegna e così la nave ha virato di bordo e si è diretta a Reggio Calabria.

Secondo il sito de l'Unione Sarda, i 550 immigrati imbarcati a bordo della nave Bourbon Argos di Medici Senza Frontiere avrebbero inscenato una rivolta durata fino a tarda notte quando hanno scoperto di essere diretti alla volta di Cagliari. Dopo una prima sosta a Trapani, dove ieri sera sono sbarcati alcuni profughi, la nave si è diretta verso la Sardegna ma ha dovuto invertire la rotta dopo le proteste dei passeggeri. Ora ha puntato la prua verso Reggio Calabria.

La Bourbon Argos aveva preso parte alle operazioni di soccorso al largo delle coste libiche, partecipando al salvataggio di 2700 disperati. Di quelli presi in consegna dalla nave di Msf, la maggior parte sarebbe dovuta sbarcare in Sardegna, dove ci sarebbero ancora 700 posti disponibili. La protesta dei profughi, però, ha fatto saltare questo piano.

La domanda è una sola: perché i migranti preferiscono la Calabria alla Sardegna? Forse, viene il dubbio, perché sulla terraferma hanno maggiori possibilità di dileguarsi e raggiungere, in maniera anonima, le Regioni del Nord e le frontiere terrestri.

Commenti