Sindaco della Bergamasca rimpatria quattro senegalesi

A Torre Boldone finanziato il rimpatrio di una famiglia. Lo aveva già fatto Bitonci, primo cittadino a Padova

Sindaco della Bergamasca rimpatria quattro senegalesi

Il primo era stato Massimo Bitonci, il vulcanico sindaco di Padova. Prima aveva annunciato la creazione di un fondo per il rimpatrio dei cittadini stranieri che avessero occupato abusivamente case o terreni pubblici. Poi era passato dalle parole ai fatti, pagando il biglietto per la Romania a una famiglia proveniente dal Paese danubiano.

Ora il suo esempio è stato imitato dal sindaco di Torre Boldone, un paese nella Bergamasca. Claudio Sessa (ex Lega) ha deciso di pagare il rimpatrio di una famiglia senegalese di quattro persone. A darne notizia è lo stesso Bitonci, che pubblica sul proprio profilo Facebook un articolo sulla vicenda, che rivendica come una vittoria della propria linea sull'immigrazione.

In un primo momento torneranno in Africa la madre e i due figli minori, che verranno poi seguiti dal padre. Il tutto a spese del Comune di Torre Boldone. In questo modo, ha spiegato il sindaco, verrà consentito un notevole risparmio per l'amministrazione cittadina.