Sisma, non lascia la casa di Arquata: arrestato lo sfollato

Enzo Rendina, 58 anni, soffre di una "fobia verso i luoghi chiusi in muratura". Si è piazzato nelle tende della Protezione Civile. Ed è stato arrestato

La storia di Enzo Rendina, 58 anni, è uno di quei romanzi che si fa fatica a credere possano essere reali. Sfollati di Arquata del Tronto, da mesi cerca in tutti i modi di rimanere a fianco della sua casa, in una tenda o sotto le stelle. Il sisma gli ha provocato una sorta di fobia per le case in muratura, e così lui di spostarsi nei luoghi indicati dalla Protezione Civile proprio non ne vuole sapere. E così alla fine lo hanno arrestato, sbattendolo in carcere.

Andiamo con ordine. Con il terremoto del 24 agosto, Enzo perde la sua casa. Per diversi mesi se ne sta lì vicino alle rovine del suo appartamento, dormendo sotto o una tenda e a volte all'aria aperta. Nemmeno Vasco Errani, commissario per la ricostruizione, era riuscito a convincerlo a spostarsi da lì. Poi arriva la nuova scossa del 30 ottobre e anche i pochi muri che rimanevano in piedi crollano. Così Enzo decide di dare ascolto alle autorità e di spostarsi da Arquata del Tronto a Borgo d'Arquata. Non tanto più in là, ma è già qualcosa. Come riporta il Messaggero, dopo quel trasferimento aveva detto all'Ansa di attendersi una casa prima o poi: "Senza fretta - disse - perché prima devo tranquillizzarmi, devo riprendermi da questi 70 giorni in cui ho vissuto come un cinghiale".

Il fatto è che ormai Enzo ha una patologia, una fobia incurabile (forse) verso i luoghi in muratura. Per questo preferisce vivere nelle tende, anche se l'inverno ormai le rende poco consone a dormirci dentro. Così, sostenendo di non poter andare a vivere nelle casette, Enzo si piazza nelle tende della Protezione Civile di Borgo di Arquata. E da lì non intende muoversi. La Procura di Ascoli lo "minaccia", ricordandogli che sta intralciando il lavoro dei soccorsi. Quando la nevicata del 18 gennaio fa crollare la tenda sotto cui viveva, i vigili del fuoco lo trasferiscono al campo base. Ma anche qui si mette in un angolo delle tende della Protezione Civile. Finché la Procura non decide di arrestarlo e trasferirlo in carcere, colpevole di aver "creato difficoltà al lavoro dei Vigili del Fuoco". Solo gli avvocati sono riusciti a tirarlo fuori, sventolando ancora quella fobia che non lascia libero Enzo: lui nelle strutture in muratura non vuole stare. E forse passerà i domiciliari in camping.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

mariod6

Gio, 02/02/2017 - 10:27

Solito magistrato a senso unico. Stia lui dentro una casa in pietra sotto a un terremoto che la fa crollare, e poi mi dica cosa prova !!!

Ritratto di giangol

giangol

Gio, 02/02/2017 - 10:42

paese ridicolo e che va contro solo agli italiani mentre manzi africani, zingari e delinquenti dell'intera galassia se la spassano impuniti nei resort pagati da noi. votate pd, votate

routier

Gio, 02/02/2017 - 11:27

Una Procura di questo tipo è certa di meritarsi il rispetto e la stima della gente?

giosafat

Gio, 02/02/2017 - 11:32

Eh sì, sempre più forti con i deboli, magari anche debilitati o ammalati così il rischio si riduce al minimo. Che paese di, fantozzianamente, 'merdacce',

Ritratto di centocinque

centocinque

Gio, 02/02/2017 - 11:33

Ho fiducia nell'0perato della magistratura! AHAHAHAH

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 02/02/2017 - 12:00

L'ITALIA è ormai politicamente,giuridicamente ed economicamente un paese FINITO. Solo una sommossa popolare di proporzioni bibliche potrà fare pulizia di tutto il MARCIO che sta sulle nostre teste: senza troppi processi e lungaggini, alla maniera francese....

Ritratto di Flex

Flex

Gio, 02/02/2017 - 12:16

Gli uffici dei Magistrati inquirenti andrebbero tutti trasferiti, in container, nelle zone terretotate o comunque disastrate. Si otterrebbe migliore conoscenza dei fatti e più efficienza.

kayak65

Gio, 02/02/2017 - 12:32

ditemi che e' una barzelletta oppure dico che la e' tutta magistratura da arrestare per intralcio alla giustizia.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 02/02/2017 - 12:39

@Flex - come hai ragione! Bisognerebbe davvero fare provare a loro tutte le restrizioni che deve patire la gente colpita dalla calamità. Tu dici, che se provassero, capirebbero?

Ritratto di stufo

stufo

Gio, 02/02/2017 - 12:41

SOLO IN ITALIA!

Ritratto di moshe

moshe

Gio, 02/02/2017 - 12:53

il poveretto arrestato, i delinquenti veri liberi, questa è la giustizia italiana !

agosvac

Gio, 02/02/2017 - 13:16

Egregio Flex, andrebbero trasferiti in quella poche case che ancora stanno in piedi! Solo così potrebbero capire il terrore che provano quelli che ne sono usciti fuori!

lawless

Gio, 02/02/2017 - 14:41

Siamo alle comiche: arrestano un terremotato e lasciano in giro gli ASSASSINI

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 02/02/2017 - 15:22

chissà perchè la Procura non arresta chi occupa le case abusivamente.

27Adriano

Gio, 02/02/2017 - 15:49

Bravi giudici, brave forze dell'ordine, bravo governo, brave istituzioni tutte. Meritate un applauso caloroso. Si possono immaginare i titoli a caratteri cubitali:

Ritratto di Snoopy2008

Snoopy2008

Gio, 02/02/2017 - 16:42

EGREGIO SIGNOR RENDINA LEI E' UN MISERO TERREMOTATO ITALIANO, NON E'MICA UN MIGRANTE RISORSA DELL'UMANITA' ITALICA OPPURE UN ROM BISOGNOSO DI FARE ESERCIZI MANUALI E PRATICI. LEI NON PUO' SCEGLIERE L'HOTEL O LA VILLA SETTECENTESCA CHE PREFERISCE OPPURE SE LA ZONA DI ESERCIZIO NON RENDE PIU' COME PRIMA CAMBIARLA SCEGLIENDO LIBERAMENTE DOVE ANDARE. LEI DEVE E SOTTOLINEO DEVE FARE QUELLO CHE LE VIENE RICHIESTO E TRASFERIRSI NEL LUOGO CHE LE E' STATO PRESCRITTO IN SILENZIO E NEL RISPETTO DELLE ISTITUZIONI (CHE HANNO GIA' TROPPI GRATTACAPI PER IMPIEGARE LE RISORSE DI CUI SI E' DETTO E NON POSSONO PERDERE TEMPO CON LEI CITTADINO ITALIANO CHE PER GIUNTA PAGA LE TASSE). FIRMATO LA LEGGE