Speranza: "La curva adesso sta crescendo. Italiani vaccinati entro l'estate"

Il ministro della Salute teme l’impatto delle varianti sulla curva. L’andamento verrà valutato di giorno in giorno

Speranza: "La curva adesso sta crescendo. Italiani vaccinati entro l'estate"

Roberto Speranza, intervenuto alla trasmissione in onda su Raitre condotta da Lucia Annunziata In mezz’ora in più, ha ammesso di prevedere una crescita della curva epidemiologica e la possibilità di vedere presto altre regioni diventare rosse e quindi con misure maggiormente restrittive rispetto a quelle attualmente in vigore.

Curva in crescita e altre regioni in rosso

"Quello che mi aspetto è che l'impatto della variante possa far crescere la curva, quindi mi aspetto che altre regioni vadano verso il rosso con ordinanze di natura restrittiva. Le misure dobbiamo adeguarle all'andamento della curva epidemiologica e valuteremo di giorno in giorno l'andamento della curva" ha spiegato Speranza. Per quello che riguarda le varianti, il ministro ha tenuto a precisare che gli studi sono in corso, ma che la scienza non è dotata di una bacchetta magica. E non si tratta di una sola variante, oltre a quella inglese ci sono anche quella brasiliana, in percentuale più bassa, e quella sudafricana. E adesso sembra esserci un'altra variante a Varese. Tutte vanno ancora studiate e approfondite.

L’importante adesso, come sottolineato da Speranza, è continuare con misure molto rigorose e con il monitoraggio quotidiano della curva. Ha poi aggiunto che oggi in Italia c’è una enorme differenziazione tra i territori ma che, con l’impatto della variante, la situazione possa peggiorare nei prossimi giorni e “possa far crescere la curva e quindi potremmo avere ancora ordinanze di tipo restrittivo". Il ministro Speranza ha anche ammesso che questo è un mese complicato e che si deve avere il coraggio di dire la verità: “Le varianti sono un fatto nuovo, hanno prodotto una nuova fase espansiva e di accelerazione dell'epidemia. Secondo i nostri studiosi, la variante inglese riesce a diffondersi con una maggiore velocità tra il 35% e il 40% in più rispetto al ceppo originario. Oggi, secondo le analisi almeno il 54% dei casi in Italia è legato a questa variante".

Differenziazione territoriale

Differenziazione quindi tra i territori e un modello costruito apposta per fotografare questa diversità, evitando un lockdown nazionale. Se da una parte c’è la Sardegna, l’unica regione in zona bianca, dall’altra ci sono anche regioni maggiormente sofferenti. E quello che si aspetta Speranza nelle prossime settimane è di avere “ancora una crescita della curva per l'impatto di queste varianti e altre regioni in zona rossa". Come ha voluto precisare, la vaccinazione di massa dovrà continuare indipendentemente dalle misure restrittive. Secondo il ministro le misure dovranno essere adeguate all'andamento della curva, e dove necessario il governo interverrà con il massimo del rigore.

Il ministro è poi intervenuto anche sul piano vaccinazioni affermando che "entro l’estate conto che tutti gli italiani che lo vorranno saranno vaccinati". Il ministro ha poi preso posizione sul vaccino Sputnik: "Se un vaccino funziona ed è sicuro mi interessa poco la nazionalità degli scienziati che ci hanno lavorato per cui sono aperto allo Sputnik come ad altri vaccini in giro per il mondo, purché i controlli delle agenzie preposte abbiamo buon fine. Se c’è l’ok di Ema ed Aifa siamo pronti a collaborare con la Russia, anche in tempi brevi".

Commenti