"Più malati nei reparti? Ecco la verità". Bassetti svela i dati dei contagi

L’infettivologo: “Più anziani in reparto ma il 99% guarisce”. La mortalità è decisamente più bassa

Il professor Matteo Bassetti ha voluto spiegare la situazione che stiamo vivendo adesso in Italia riguardo al coronavirus. Il direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova, parlando con l’AdnKronos, ha sottolineato che rispetto a qualche settimana fa adesso si vedono più pazienti anziani ricoverati in ospedale perché hanno contratto il Covid. Ha però precisato che questo avviene perché si tratta di soggetti fragili, nei quali il virus può peggiorare un problema già esistente. Per esempio in pazienti affetti da diabete, cardiopatie, problemi respiratori, o che seguono più terapie. E poi c’è da dire che negli anziani la patologia ha un impatto differente.

Bassetti: "Oltre il 99% adesso guarisce"

L’infettivologo ha tenuto a precisare che “la malattia oggi ha un mortalità decisamente più bassa, 0,4-0,6%, e nel 99,6% dei casi si guarisce". Sempre secondo quanto affermato da Bassetti, vi è stato un lieve rialzo dell’età media dei soggetti positivi dovuto all’effetto del periodo vacanziero. I ragazzi sono quelli che hanno viaggiato maggiormente e quindi sono stati esposti di più al virus. Una volta tornati a casa hanno portato l’infezione anche in famiglia. A essere mutata però, come evidenziato da Bassetti, è solo l’età dei contagiati e non dei pazienti. Il professore ha detto di ricoverare solo ultra 80enni con situazioni cliniche ben diverse rispetto a quelle che si erano viste nei mesi di marzo e aprile.

Il professore ha anche asserito di non aver avuto decessi da diverso tempo.

"È vero, il mare si sta agitando, ma su 40mila contagi solo il 5% ha bisogno di cure. Nei mesi caldi dell'emergenza avevamo picchi di 25-30% dei positivi che necessitava di cure in terapia intensiva" ha aggiunto Bassetti. Il motivo è riconducibile a diverse ragioni: adesso i casi vengono subito identificati, vengono effettuati più tamponi e la letalità del virus si è ridotta. A fine agosto Bassetti aveva già parlato dell’abbassamento della carica virale e che la maggior parte dei positivi adesso è asintomatica. L'aumento dei casi non coincide infatti con un picco di ricoveri. Vi è anche stata una diminuzione di casi gravi. L’infettivologo non crede però che riusciremo a uscire da questa situazione in soli sei mesi, ci vorranno anni. Dovremo quindi imparare a convivere con il virus anche perché, teme il professore, quando sarà disponibile il vaccino , in tanti non lo faranno.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

lorenzovan

Gio, 17/09/2020 - 12:51

ancora lui!!! ora domani zangrillo..dopodomani il briatore..

Mborsa

Gio, 17/09/2020 - 13:20

La vaccinazione protettiva in Italia comporta 30-40 milioni di somministrazioni. Abbiamo una stima del tempo occorrente al SSN per vaccinare tanta gente? Probabilmente non basta un anno solare!Immaginate le code dai medici di base, che già ora visitano a ritmo ridotto i pazienti. La tanto invocata vaccinazione di massa rischierà di trasformarsi in un flop per mancanza di organizzazione, come l'apertura delle scuole con i trasporti.

Italy4ever

Gio, 17/09/2020 - 13:32

@lorenzovan: se parla un infettivologo non va bene, se parla un anestesista non va bene, se parla un "non medico" non va bene... Vogliamo dare retta solo ai disfattisti "moriremo tutti"??? (peraltro cosa certa prima o poi...). Se ci sono dati in merito al fatto che si ha un incremento dei guariti e calano i decessi non capisco perchè non accettarli. Dovremmo essere felici di sapere che, nonostante tutto, la situazione clinica non è più tanto drammatica.

BEPPONE50

Gio, 17/09/2020 - 15:14

Eccolo ritrovato ero un po' preoccupato erano due settimane che non leggevo piu le sue profezie

ANTONIO1956

Gio, 17/09/2020 - 15:40

Onestamente con capisco la stupidà e la partigianeira di certa gente come questo LORENZOVAN e BEPPONE50, degli sprovveduti che non amano la verità e la verità sta nei freddi dati che NON sono quelli che da CONTE e nemmeno quelli che ci danno i veri TG. E' la solita mentalità della sinisstra italiana che anche di fronte alle evidenze quali che esse siano deve sempre essere contro la verità. Brutta gente e questo è anche il motivo per cui l'Italia non ha futuro.

onurb

Gio, 17/09/2020 - 15:48

Mborsa. Il vaccino antinfluenzale me lo sono sempre comprato in farmacia e iniettato da solo. Penso che anche quello per il covid 19, se ci sarà, me lo inietterò per conto mio.

onurb

Gio, 17/09/2020 - 15:51

ANTONIO1956. Sono perfettamente d'accordo con lei. C'è gente che crede di saperne di più dei medici che passano le loro giornate a curare i malati.

penelope68

Gio, 17/09/2020 - 16:31

Sono gli anziani che hanno fatto o che faranno l'antinfluenzale!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 17/09/2020 - 16:46

ANTONIO1956 15:40....il TERRORE,per certa gente,non deve terminare!

florio

Gio, 17/09/2020 - 17:32

Spesso c'è da chiedersi se a sinistra hanno un cervello pensante. Come tanti Tafazzi amano farsi del male da soli. Se un medico che ha vissuto e vive giornalmente negli ospedali, ha visto il decorso per mesi di questo infame virus, azzarda un disamina molto seria e ottimistica, intervengono i dissacratori con elucubrazioni catastrofistiche. Alimentare la paura, deve essere un diktat dei sinistri per tenersi incollati alla poltrona. Facile chiudere gli italiani in casa, difficile gestire la riapertura, gestire le aziende, i dipendenti, alberghi, ristoranti, piccoli grandi imprenditori, le partite IVA. Incapacità pressapochismo di chi governa sono la rovina del paese, riuscirà a capirlo chi li vota? Ho seri dubbi in merito, l'ideologia rossa ha fatto danni irreparabili.

Junger

Gio, 17/09/2020 - 17:48

La psicosi diffusa dai media è ormai fuori controllo da mesi. 1400 contagi non significano 1400 malati ma semmai 1300 portatori sani non contagiosi e 100 malati contagiosi. Purtroppo il concetto di asintomatico= portatore sano è del tutto incomprensibile ai giornalisti. Viene spiegato alla pagina 1 di qualsiasi testo di malattie infettive: spero che Bassetti si prodighi di più a fare divulgazione di base a una società di teledipendenti inguaribili.

SandroGug

Gio, 17/09/2020 - 18:28

Priorità 1 del Giornale: il coronavirus non esiste e se esistesse sarebbe innocuo. Perché è la priorità 1?

Sempreverde

Ven, 18/09/2020 - 10:40

Come farete sinistri? Tra poco non avrete più governi regionali tranne quello di Stalingrado. Prima o poi il COVID finisce e saremo lasciati in pace dalla Orwelliana costante linea del terrore di tutti i giornali e sistemi televisivi. Ma che mondo triste vi aspetta sinistri buonisti, buon pensanti e partigiani antifascisti del fascismo inesistente: libertà, ripresa economica, e forse chissà, riforme della giustizia, fiscale, gestione dell’immigrazione, difesa dei confini, tutela delle nostre religioni, della famiglia, della scuola, dei ruoli e del sostegno all’infanzia ed ai deboli. Tutto finisce: prima o poi anche il COVID ed il governo salvato da questo virus.