Svelano la relazione gay e i genitori li cacciano di casa

Rimasti senza un alloggio, due ragazzi di 18 e 20 hanno dormito una settimana per strada. "Arcigay Napoli" li sta ospitando provvisoriamente

Si erano decisi finalmente a dichiarare la loro relazione gay ai genitori. Volevano viversi liberamente l'amore. Speravano di avere l'appoggio dei proprio cari. Ma Francesco e Giuseppe, due ragazzi di 18 e 20 anni residenti nel Napoletano, hanno ottenuto un solo spiacevole risultato: sono rimasti senza un’abitazione. I familiari non hanno accettato la loro omosessualità e una decina di giorni fa li hanno buttati fuori di casa. La coppia ha dormito per circa una settimana per strada, fino a quando “Arcigay Napoli” non gli ha offerto una sistemazione provvisoria. L’organizzazione di volontariato li ha ospitati e ha messo a loro disposizione gli sportelli e tutti i servizi che destina alla comunità lgbt.

È stata l’associazione partenopea a divulgare la tremenda storia dei due giovani, chiedendo apertamente un sostegno per loro, attraverso donazioni, un lavoro da offrirgli e un alloggio dove possano andare a vivere. “Il Comune di Napoli e la delegata alle Pari Opportunità, Simona Marino, hanno da subito mostrato grande attenzione alla nostra richiesta di aiuto, ed insieme stiamo cercando la soluzione migliore per alloggiare i due ragazzi e per avviarli ad un percorso di inserimento lavorativo”, ha sottolineato "Arcigay Napoli". Il comitato provinciale ha lanciato inoltre un progetto: la casa di accoglienza per le persone lgbt vittime di discriminazioni. “Stiamo avviando tutte le procedure per attivare entro fine anno. – ha annunciato - Avremmo bisogno del supporto di tutte le Istituzioni, dalla Regione Campania al Comune di Napoli e in tale direzione il Sindaco de Magistris si è impegnato più volte nel corso di questi anni”.

Commenti

chebarba

Ven, 25/08/2017 - 08:38

e che cosa hanno risolto cacciandoli di casa?

MARCO 34

Ven, 25/08/2017 - 10:42

E per le persone normali in difficoltà, nulla?

MARCO 34

Ven, 25/08/2017 - 10:43

E per le persone normali che necessitano di assistenza, Nulla?