Tassa sui rifiuti, è la Campania la regione d'Italia a pagare di più

I dati sono stati diffusi da Cittadinanzattiva, attraverso l’Osservatorio prezzi e tariffe. Nelle province campane la quota media per famiglia è di 422 euro annui. Al Trentino Alto Adige la palma di territorio virtuoso, dove il balzello per l’immondizia è di soli 188 euro all’anno

I dati sono stati diffusi da Cittadinanzattiva, attraverso l’Osservatorio prezzi e tariffe, e confermano un trend che va avanti da anni: per la tassa sui rifiuti la Campania resta la regione più cara d’Italia, a fronte di servizi inadeguati. È l’undicesimo anno consecutivo che la onlus per la promozione e tutela dei cittadini realizza l’indagine sui costi sostenuti dagli italiani per lo smaltimento dell’immondizia.

Cittadinanzattiva ha analizzato le tariffe per provincia, prendendo come riferimento una famiglia tipo, composta da 3 persone e con una abitazione di proprietà di 100 metri quadri. Il dato media nazionale è di 302 euro annuali a famiglia da pagare per la tassa sui rifiuti solidi urbani, ma le differenze tra le varie zone d’Italia non mancano.

Tra la regione più economica (il Trentino Alto Adige, con 188 euro annuali di tassa per l’immondizia) e quella più costosa (la Campania con 422 euro) si registra una distanza di oltre il 120%. L’ampio distacco viene registrato anche per la provincia meno cara e quella più cara: la distanza è di oltre il 270%. A livello di aree geografiche, i rifiuti costano meno al Nord (256 euro di media) che si mette davanti al Centro (301 euro) e al Sud (357 euro).

Per quanto riguarda le province, invece, in Campania la peggiore è Salerno, con 468 euro annui, mentre la migliore è Avellino con 331 euro, anche se ha fatto registrare, rispetto al 2017, un aumento del 10,8%. Napoli, invece, è poco dietro Salerno con 446 euro, facendo registrare un calo, sempre rispetto allo scorso anno, di soli 2 euro. Il miglior risultato, rispetto al 2017, è di Caserta che con un -4% è passata da 420 a 403 euro, nel 2018. Per la raccolta differenziata, infine, analizzando i dati del 2017, si passa dal 64% di Benevento al 30,9% di Avellino. Napoli, dove nonostante si paghi tanto, è ancora invasa dai rifiuti con la differenziata che si attesta su un misero 34,5%.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 02/12/2018 - 11:58

Visti i risultati si vede che gl iaddetti, ma soprattutto capoccioni maneggioni, costano parecchio, troppo.

Giorgio5819

Dom, 02/12/2018 - 11:59

E certo, ci mancherebbe, sono i più lerci d'Italia insieme a roma ! Culturalmente e storicamente asserragliati sul loro disinteresse congenito verso concetti come ORDINE, PULIZIA,DECORO,LEGALITA', SALUTE PUBBLICA... perché stupirsi ?..!

VittorioMar

Dom, 02/12/2018 - 12:10

..se per SMALTIRLA si deve trasportare fuori Regione ....ovvio che i costi lievitano !!....quei soldi andrebbero utilizzati con maggiore oculatezza costruendo termo valorizzatori e ....POSTI DI LAVORO !!

venco

Dom, 02/12/2018 - 12:21

E' la più cara per chi la paga, mica per tutti.

HARIES

Dom, 02/12/2018 - 12:24

Non è vero! La tassa più cara è in quelle città dove, in base al super tecnologia impiegata, la tassa dovrebbe essere 1/4 di quella che viene pagata. E invece, in virtù del fatto che certi comuni (al di sopra di ogni sospetto) ci marciano, vedete un po' voi. Vogliamo fare una indagine? Cambio mestiere e faccio il Magistrato?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 02/12/2018 - 12:27

E' ovvio,c'è un rapporto inversamente priporzionale(al di là delle "furbate" Comunali,con "creste" varie,a prescindere...),fra "differenziata" e "costi" di gestione.Da quelle parti,la "non differenziazione",il non volere usare sistemi di smaltimento "locali",alla fine si paga...ma a loro va bene così...

agosvac

Dom, 02/12/2018 - 12:37

Probabilmente dipende dal fatto che l'amministrazione, se non ricordo male, di sinistra ha bisogno di tanti bei soldini da spartirsi. Così si guarda bene dall'eliminare i rifiuti: molto più remunerativo tassarli!!!

mozzafiato

Dom, 02/12/2018 - 13:05

ma scusate ! Come mai non c' e' nessun riferimento RELATIVO AL NUMERO DEI CITTADINI CHE DA QUELLE PARTI, LA PAGANO ? Mi ci scommetto cocozza e annessi CHE IL NUMERO DEI SOLITI FURBI CHE NON PAGANO LA TASSA SULL'IMMONDIZIA, RAGGIUNGE IL 5O % DEL TOTALE DEI CITTADINI POTENZIALI PAGANTI...comprese ovviamente, anche le omissioni degli uffici competenti relativamente agli iscritti a ruolo ! Perche' NESSUNO FA UNA RICERCA SULL'ARGOMENTO ? Haiiii...maledetta politica !

Altoviti

Dom, 02/12/2018 - 14:23

Ci vogliono gli inceneritori per togliere il business alla camorra!!!!!!!!!!!