Tassista in coma dopo una rissa, tutti assolti: "Fu legittima difesa"

Gino Ghirelli entrò in coma nel 2017, in seguito a una rissa con due clienti

"Fa male, troppo male". Daniela Camilli, la moglie di Gino Ghirelli, il tassista in coma dalla notte tra il 10 e l'11 luglio 2017, non ce la fa più. Non ci crede più nella giustizia. In una giustizia che ha assolto per legittima difesa i due ragazzi che quella notte lo colpirono, durante una lite per il pagamento della corsa.

Gino, quella notte, stava viaggiando dal centro di Firenze a piazza Beccaria, portando sul suo taxi due ragazzi di 22 anni. Secondo il racconto dei due clienti, sembra che, una volta arrivati a destinazione, il tassista non abbia accettato il pagamento con il bancomat e li abbia accompagnati a prelevare. Poi, per un diverbio, erano volati pugni e testate. Gino era caduto a terra. Ma si era rialzato, aveva rimesso in moto il taxi ed era arrivato a casa. Qualche ora dopo, il malore che lo ha portato al coma. Da quel giorno, Daniela lo lava, gli asciuga la bocca e gli mette la crema, per evitare che si formino le piaghe. Avrebbero dovuto festeggiare i 45 anni di matrimonio quest'anno. Invece lui è sempre immobile, nel letto di un ospedale.

E giovedì la notizia più dura: i ragazzi sono stati assolti. Secondo il giudice, infatti, i due giovani di 22 anni avrebbero agito per legittima difesa: sarebbe stato il tassista a iniziare la rissa."Me lo hanno ucciso una seconda volta", scive la figlia Silvia in una lettera, pubblicata dalla Nazione: "Ci sono 4 testimoni che parlano di calci e pugni, mentre lui era a terra". Inoltre, avrebbero detto che sul corpo dell'uomo non c'erano lividi, ma Silvia è sicura di averli visti. Sostiene anche che la causa del diverbio sia stata la tentata rapina da parte dei giovani, che avrebbero provato a rubargli il portafoglio, a detta delle parole che Gino aveva pronunciato in una telefonata quella notte: "hanno provato a portarmi via il portafogli. Avvisate gli altri di stare attenti".

Ma, nonostante qualcosa non torni nella ricostruzione dei giovani, i due sono stati assolti:"Io e la mia famiglia siamo delusi e amareggiati: questa giustizia è ingiusta".

Tanta anche la rabbia dei colleghi di Gino, che sottolineano la pericolosità del loro lavoro: "Sui nostri veicoli salgono persone sconosciute. Non sappiamo né chi sono, né dove li accompagneremo". Per questo, i taxi sono stati dotati di telecamere di sicurezza collegate con le forze dell'odine. E, per quanto riguarda il caso del collega in coma, "continueremo a tenere i riflettori accesi fino a quando non avremo giustizia".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

fifaus

Dom, 11/11/2018 - 12:11

E' un fatto quanto meno sconcertante

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Dom, 11/11/2018 - 12:36

Due 22enni contro uno. Difficile credere alla legittima difesa. Sarebbe da eliminare il servizio taxi notturno per qualche mese e vediamo un po' come si sistemano le cose.

Trinky

Dom, 11/11/2018 - 13:11

E questa magistratura viene a dire di non usare la legittima difesa?

mariod6

Dom, 11/11/2018 - 13:14

Essendo imputato un iraniano non si può mandarlo in galera, dove rischia di dover mangiare il maiale. Bisogna lasciarlo fuori perché possa pestare a sangue un altro italiano per insegnargli i suoi costumi e la sua cultura da belva miscredente. Firenze, governata prima da Renzi e poi da Nardella, è diventata un delirio di extracomunitari prepotenti e arroganti. Magistrati : fate sempre più ribrezzo !!!!!!!!

Ritratto di direttoreemilio

direttoreemilio

Dom, 11/11/2018 - 13:42

Un giudice dichiara leggittima difesa di due 22enni contro un vecchio tassista ?

caren

Dom, 11/11/2018 - 13:56

Ubi maior minor cessat dicevano i Latini. Passa in secondo piano chi dei tre ha scatenato la rissa. Resta soltanto un uomo che vive come un vegetale in un letto d'ospedale, per le violente percosse ricevute.

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 11/11/2018 - 13:59

---io aspetterei i 90 giorni canonici per leggere la motivazione dei giudici prima di farmi prendere dalle illazioni---il giornale fa riferimento a dei testimoni che sono dalla parte del tassista --ma ce ne sono altri che invece affermano esattamente il contrario--e cioè che sia stato il tassista a reagire per primo con una testata --dopo essere stato scortese per tutto il tempo---non accetti pagamento con carta perchè c'è lo straniero?--ma nel 2017 i tassisti non sono stati obbligati per legge ad avere il pos in auto?---e poi--non dimentichiamo che i giudici hanno potuto visionare filmati eloquenti provenienti da molte telecamere di esercenti del posto---francamente non credo ad una pacchiana malafede---ripeto--aspettiamo le motivazioni dei giudici--poi --si potrà pure ricorrere volendo--swag

stefano1951

Dom, 11/11/2018 - 15:39

Vuoi vedere che i due che son stati assolti, pur in presenza di testimonianze, sono extra-comunitari?

caren

Dom, 11/11/2018 - 16:21

Udite, udite, le carismatiche giustificazioni dell'Immenso, impareggiabile elkid, che tutto il mondo ci invidia. elkid, uno come te, sarebbe utile in ogni casa come conciliatore di sonno, al posto del carillon. Dasvidania.