Il tecnico italiano ex ostaggio dell'Isis: "Vogliono solo il petrolio"

Gianluca Salviato, rimasto prigioniero di un gruppo estremista islamico: "Non c’è nulla di religioso, nulla di politico, ma solo la caccia all’oro"

Nell’Isis "non c’è nulla di religioso, nulla di politico, ma solo la caccia all’oro", che in Libia, come nel resto del Medio oriente, "si chiama petrolio". A dirlo è Gianluca Salviato, il tecnico italiano rimasto otto mesi prigioniero di un gruppo estremista islamico. Rilasciato nel novembre scorso, Salviato racconta la sua storia: "Sono andato in Libia nel 2013 quando dopo la rivoluzione si pensava alle elezioni, ad una nuova costituzione, alla rifondazione della polizia e dell’esercito con l’euforia del post Gheddafi. C’erano armi ovunque, le si potevano comprare al suk esattamente come si poteva fare per il pane o per le stoffe, specie dopo che erano state prese d’assalto e razziate le caserme. Ma d’altra parte girare armati con una pistola piuttosto che con un kalashnikov, o acquistare un lancia razzi Rpg, lì è più che normale".

Poi Salviato analizza: "Giorno dopo giorno hanno preso il sopravvento le guerre intestine tra le varie tribù, uno scontro che ha lasciato sguarniti i confini. Da lì armi su armi sono entrate nel Paese, magari nascoste sotto il grano, per uso e consumo di chi progressivamente ha assunto il controllo del petrolio: me lo aspettavo. È chiaro che non sono un esperto di geopolitica ma quello che sta facendo l’Isis, che ho avuto modo di "studiare" informandomi quotidianamente e sulla base della mia esperienza diretta, non è né una guerra religiosa né conquista territoriale: è solo la caccia all’oro che nello specifico si chiama petrolio. L’Isis o chi per loro ha approfittato dell’allentamento del controllo ai confini, non ci sono autorità. Sono penetrati in Libia e le loro mete sono Misurata e Sirte, perché sono le due città petrolifere del Paese. Il resto, per loro, è nulla".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

edo1969

Dom, 15/02/2015 - 11:47

Ecco uno che dice la verità, questi puntano solo all'oro nero. Che la Libia sia l'occasione per la NATO per intervenire e sterminarli, qualche decina di bombe a margherita e l'isis sarà solo un brutto ricordo. E poi un nuovo Gheddafi.

taniaes

Dom, 15/02/2015 - 12:14

oh, finalmente uno che ha capito le cose, altro che Dio, allah questi vogliono solo i denari.

titina

Dom, 15/02/2015 - 12:31

da quel dì che lo dico che questi del'isis sono atei

maricap

Dom, 12/04/2015 - 19:32

edo1969, hai ragione. Se l'Europa utilizzasse in Libia la decima parte della sua potenza di fuoco, la vita dell'ISIS & C, durerebbe, l'espace d'un matin. Purtroppo l'Europa è governata da una massa di merd ioli, traditori cialtroni, che non solo non intervengono il Libia, per tutelare i nostri interessi, bensì sono in combutta con gli islamici, dai quali ci stanno facendo invadere, andando addirittura a prendere sulle coste di quella nazione, quelli che la boldrina chiama " Risorse". Aspettiamoci, ed auguriamoci una guerra civile, prima di essere soggiogati, dalla sinistra mer daiola, con le sue fisime sul multiculturalismo. Questi idioti, pensano di poter sfruttare le " Risorse" per sottomettere il popolo italiano, senza capire che, anche se la spuntassero in una guerra civile, poi dovrebbero fare i conti, con l'islam che si sono portati in casa. Sempre detto che idioti si nasce, poi inevitabilmente comunisti lo si diventa, non importa sotto quale sigla. Ahahaha

maricap

Dom, 12/04/2015 - 20:19

.. e no cara la sciura titina, ma che atei,questi sono il fior fiore della merd islamica.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 12/04/2015 - 22:38

Un tempo, nel tardo Medio Evo per non parlare anzitempo, vi erano le Compagnie di ventura al soldo dei regnanti o signorie e il loro compito era spianare la strada per l'espansione dei domini e in cambio avevano carta bianca come l'ebbero i "marocchini" dalle parti di Cassino nel periodo 1943-1944. Son passati mille anni ... l'Homo Sapiens non passa mai di moda.