Torino, misterioso aggressore spara maxi-aghi contro i passanti

Almeno cinque persone sono rimaste ferite dopo aver ricevuto spari con maxi aghi da un'auto in corsa: si apre la caccia al misterioso aggressore

Torino, misterioso aggressore spara maxi-aghi contro i passanti

Ferire i passanti con maxi aghi sparati ad alta velocità da un'auto in corsa: è questa l'ultima, folle, versione dello knock-out game, la demenziale moda importata dai Paesi anglosassoni di colpire con un pugno persone incontrate a caso per la strada.

A Torino nella scorsa settimana sono almeno cinque le persone rimaste ferite da aghi lanciati con una pistola sparachiodi o con una pistola ad aria compressa. Pezzi di metallo di dieci centimetri, simili a quelli usati in ospedale per le iniezioni peridurali.

Gli episodi, che non è ancora chiaro se siano da ricondurre a un solo aggressore oppure a più persone, sono tutti avvenuti nella zona semicentrale di San Paolo. La dinamica è sempre la stessa: un'auto si avvicina il più possibile al marciapiede, affianca un ignaro passante che cammina tranquillo e quindi parte l'ago. Fortunatamente non si sono ancora registrate ferite gravi, ma se per caso gli aghi dovessero colpire gli occhi allora le conseguenze potrebbero essere assai più gravi.

Esclusa, per fortuna, anche l'eventualità che i "proiettili" fossero infetti, come in molti avevano temuto in un primo momento. Gli autori di questo folle tiro a segno, però, non sono ancora stati rintracciati.

Commenti