Torino, pusher africano si lancia da balcone per sfuggire agli agenti

Lo spacciatore, sorpreso con 34 grammi di cocaina, non ha esitato a lanciarsi dal secondo piano per tentare la fuga: dopo essersi rialzato, però, stramazza al suolo in preda ai dolori

Terrorizzato da una retata della polizia, non ha esitato a lanciarsi dal balcone della propria abitazione di via Romagnano (Torino).

Protagonista dell’episodio uno spacciatore di nazionalità senegalese di 38 anni, sorpreso ieri sera dagli agenti di una pattuglia della squadra mobile inviata sul luogo dalla questura di Torino. L’africano aveva con sé una borsa a tracolla contenente 34 grammi di cocaina, per oltre 3mila euro di valore nel mercato al dettaglio.

L’inattesa “visita” ha letteralmente terrorizzato il pusher africano, che non ha esitato a prendere la rincorsa ed a lanciarsi dal terrazzo dell’appartamento. Questo, tuttavia, era collocato al secondo piano, cosa che ha reso particolarmente problematico l’atterraggio. Caduto pesantemente al suolo, il senegalese ha tentato di rialzarsi per proseguire la sua fuga ma, dopo pochi passi, è crollato al suolo contorcendosi a causa dei dolori dovuti all’impatto.

Gli agenti, raggiunto il 38enne, hanno richiesto l’intervento sul posto di un’ambulanza del 118. Moustapha Mbaye Diop, nato a Mbediene in Senegal nel 1980, è stato trasferito in ospedale, dove si trova piantonato in attesa delle dimissioni per poter procedere al suo arresto.

Nonostante le contusioni riportate alle gambe, l’africano non si trova comunque in pericolo di vita.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

daniel66

Gio, 18/10/2018 - 19:54

buttare la monnezza dalla finestra è incivile.

justic2015

Ven, 19/10/2018 - 02:36

Buona notizia non si trova in pericolo di vita, adesso auguriamo una pronta guarigione e alla prossima .