Orrore nella villetta. Spara a moglie e figli, poi la telefonata choc: "Non ci sarò più"

Il plurimo omicidio si è consumato questa mattina all'alba in una villetta di Carignano. L'uomo ha ucciso moglie e figlio, poi si è tolto la vita

Tragedia familiare in una villetta di Carignano, in provincia di Torino. Un uomo di 40 anni, Alberto Accastellato, ha sparato alla moglie e ai suoi figli, due gemellini di appena 2 anni, e poi si è tolto la vita. La donna è morta su colpo mentre uno dei bimbi è deceduto poco dopo l'arrivo in ospedale; gravissime invece le condizioni dell'altra bambina ricoverata in rianimazione al Regina Margherita.

La tragedia

Il plurimo omicidio si sarebbe consumato pressapoco all'alba di lunedì 9 novembre, attorno alle 5.30, in una villetta di Borgata Cerreto, a Carignano, in provincia diTorino. Stando a quanto si apprende da fonti a vario titolo, l'uomo avrebbe aperto il fuoco dapprima contro la moglie, Barbara Gargano, 38 anni, impiegata in un supermercato di Moncalieri, poi si sarebbe accanito sui due gemellini, Alessandro e Aurora, di soli 2 anni. A quel punto, avrebbe sparato al cane e, infine, avrebbe puntato l'arma contro sé stesso: un colpo sordo alla tempia. Ad allertare i carabinieri sono stati i vicini di casa ma quando le Forze dell'Ordine hanno raggiunto l'abitazione il delitto si era già consumato. I due gemellini sono stati trasportati in codice rosso all'ospedale Regina Margherita; uno dei due, Alessandro, è morto poco dopo l'arrivo in pronto soccorso mentre la bimba è stata trasferita in rianimazione per una vasta emorragia. Le sue condizioni sono gravissime.

L'arma era detenuta legalmente

Da una prima ricostruzione della vicenda, affidata ai carabinieri della Compagnia di Torino, sembrerebbe che il 40enne detenesse la pistola legalmente. Quando i militari hanno fatto irruzione nella villetta, l'uomo era ancora in vita salvo poi morire prima dell'arrivo dei soccorsi. Nulla da fare per la moglie, deceduta su colpo. Sono in corso accertamenti dei Ris sulla scena del crimine nel tentativo di reperire elementi utili alle indagini.

"Tra un'ora non ci sarò più"

Stando a quanto si apprende dal Corriere della Sera, prima di sparare alla moglie e ai due gemellini, Accastello avrebbe telefonato al fratello a Racconigi. L’allarme è stato immediato, ma quando i carabinieri e i volontari del 118 sono entrati nella villetta di borgata Ceretto 76, non c’era più nulla da fare. L’uomo lavorava da 20 anni in un’azienda agricola di Ceretto che produce sementi. "Era un gran lavoratore, viveva per la famiglia — racconta una vicina ai cronisti del Corriere —. Sapevo che tra loro c’erano problemi, ma non pensavo sarebbe finita così". Barbara voleva separarsi, ma il marito non accettava la sua decisione. "Lavorava anche al sabato e la domenica per finire la villetta che avevano costruito — continuano i vicini — Alberto era una persona tranquilla. Sempre attento e gentile. Evidentemente la prospettiva della separazione lo ha sconvolto. Aveva chiesto a Barbara un’altra possibilità, ma lei diceva “quando dico di no è no”. L’abbiamo vista ieri sera era tranquilla, anzi euforica".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

leopard73

Lun, 09/11/2020 - 10:45

Notizia incommentabile!!

arieccomi

Lun, 09/11/2020 - 12:28

Ti vuoi ammazzare ok ammazzati ma perché la moglie i i bambini? Che vigliacco.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 09/11/2020 - 13:19

Cosa mai avrà combinato un uomo che lavora come un matto anche sabato e domenica per finire la villetta,per meritare la separazione? A volte penso che oggi molte (troppe) donne siano intolleranti e spietate,e diventano la causa di tante tragedie,e a farne le spese,i poveri figli innocenti.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 09/11/2020 - 15:32

Se vuoi farla finita liberissimo, ma perché accanirti sui bambini?

ulio1974

Lun, 09/11/2020 - 16:16

"Sempre attento e gentile": sono i più pericolosi.

ulio1974

Lun, 09/11/2020 - 16:18

arieccomi e uomo Tigre: della vicenda non ci avete capito molto, vero?

ulio1974

Lun, 09/11/2020 - 16:19

mbferno 13:19: confermo. più un marito si dedica alla famiglia, più viene castigato dalla moglie. forse mentre lui lavorava il fine settimana, lei andava a divertirsi altrove per fuggire da quella vita "noiosa" tutta famiglia e lavoro.

Gio56

Lun, 09/11/2020 - 17:33

mbferno,conferma l'ho avuta tre mesi fa,due ragazzi sposi da tre anni,due figli,lei un giorno se ne andata perchè quella vita non faceva per lei,non aveva più possibilità di divertirsi,ha lasciato figli,il marito ed il mutuo da pagare.

giovaneitalia

Lun, 09/11/2020 - 18:08

Difficile dare un giudizio se non si conoscono i fatti. Peccato per i bimbi, per il cane e per le famiglie coinvolte. Tragedia evitabile.

arieccomi

Lun, 09/11/2020 - 18:14

Per alcuni commentatori la colpa è della moglie che è stata uccisa da un malato di mente; la colpa è della moglie se un malato di mente ha ucciso uno del bambino; la colpa è della moglie se il malato di mente ha ucciso il cane,;la colpa è della moglie se il malato di mente si è sparato. Bravi avete le pa...e voi.

Gio56

Lun, 09/11/2020 - 19:27

arieccomi,magari dopo aver letto l'articolo,si e'chiesto perche'e'andato fuori di testa?