Trento, minacce a leader di Casapound: "Nelle Foibe c'è ancora posto"

Filippo Castaldini, responsabile di Trento di casaPound, non è nuovo a subire minacce di questo tipo. Stavolta però ha voluto replicare alle ignobili scritte apparse su di un muro nel centro di Trento

"Castaldini, nelle Foibe c'è ancora posto". Queste orribili minacce, seguite da uno "smile" di sberleffo ulteriore, sono apparse ieri su di un muro a ridosso del centro della città di Trento ed indirizzate a Filippo Castaldini, il responsabile locale della sezione di Trento di casaPound, noto movimento italiano di estrema destra.

E' la stesso destinatario delle vili minacce a voler replicare, sulla propria pagina Facebook, agli autori delle scritte apparse sui muri trentini: "Non sono solito dare spazio a questi gesti però questa volta una cosa la voglio dire. Perché si parla di migliaia di infoibati barbaramente uccisi dai partigiani con la sola “colpa” di essere italiani. Perché si sputa sul loro ricordo. Perché lo si fa vigliaccamente come è usanza antifascista. E allora è giusto dirlo, non per passare da vittima - non ci interessa - ma per ribadire che il ricordo, come il tricolore, va sempre difeso. Per tutto il resto, possono sempre provarci". Castaldini ha poi terminato il suo intervento invitando gli autori dell'ignobile scritta ad un confronto aperto "nella nostra sede o in sede pubblica per una bella lezione di storia, perché finalmente possano comprendere quanto drammatico sia il quadro di un eccidio italiano che hanno sempre disonorato” - ha concluso.

Non è la prima volta che il responsabile locale di Trento di casaPound viene minacciato, neanche troppo velatamente, da gruppi di evidente matrice antifascista: nel 2016 infatti erano comparse altre scritte sotto la casa di Castaldini. Sempre nello stesso anno erano state vandalizzate ed imbrattate lapidi in ricordo dei martiri delle Foibe. Inoltre, ancora nel 2016, in vista del Giorno del Ricordo, venne rubata la lapide commemorativa per le vittime delle Foibe. Come se non bastasse l’anno successivo venne imbrattata la lapide in Largo Pigarelli, con i vandali che coprirono con vernice nera le due targhe in plexiglas.

Le minacce indirizzate a Castaldini vanno a sommarsi a quelle apparse a Bolzano appena pochi giorni fa ed indirizzate ad un altro noto esponente di casaPound, Andrea Bonazza, il coordinatore regionale del movimento politico italiano. Minacce peraltro dello stesso tenore di quelle che hanno colpito Castaldini, effettuate in piena notte con della venice spray sulla porta di ingresso dello spazio sociale Rockaforte di via Cesare Battisti. In questo caso però, a differenza di quelle apparse a Trento, le scritte portavano una firma riconoscibilissima: quella della ‘A’ cerchiata, riconducibile facilmente agli anarchici.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

claudioarmc

Ven, 28/02/2020 - 12:41

Nessuna sollevazione di intellettuali e giornalisti? Nonna Segre è caduta in letargo? Maruzzella è intento a raccontare storie ai bimbi cinesi? Le sardine si rilassano in un bagno d'olio?

Ritratto di navigatore

navigatore

Ven, 28/02/2020 - 12:43

SONO QUELLI CONTRO L' ODIO ,SICURAMENTE NELLA VESTE DELLA SEGRE, COME ALIBI, MA ESSERE ANTICOMUNISTI,NON è NECESSARIO ESSERE DI DESTRA, IMPORTANTE ESSERE VERI ITALIANI,NEL RISPETTO DELLE LEGGI E DEL PROSSIMO

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 28/02/2020 - 13:01

Anche nei carceri italiani c'è posto per i comunisti.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Ven, 28/02/2020 - 13:04

Queste sono veramente sciocchezze che denotano solo la voglia parecchio insana, che va molto di moda negli ultimi tempi a destra, di fare le insulse vittime. Invece a sinistra già stanno preparandosi per il grande scontro. Insomma i rammolliti stanno a destra. In tempo di guerra civile strisciante, effetto diretto della Legge della Giungla, costituisce ordinaria amministrazione questa tipologia di innocue minacce. Fino a quando il tizio ha l'alto onore e il sommo privilegio di essere oggetto di simili bagatelle, che dire? Il tipo può dormire sonni tranquilli. Al suo posto, come al posto di chiunque, io mi preoccuperei se non arrivasero minacce pur sapendo che siamo in piena Legge della Giungla...

Ritratto di serramana1964

serramana1964

Ven, 28/02/2020 - 13:22

Alsikar i neuroni ....ahimè sono mancanti.....torni a fare i pisolini

Lugar

Ven, 28/02/2020 - 14:11

Si dice che il mondo è bello perchè vario. Ma gli ignoranti non devono essere l'esempio di italianità e quindi far notizia. Mi referisco anche alla sceneggiata di Ischia.

maurizio-macold

Ven, 28/02/2020 - 14:20

Chi semina vento raccoglie tempesta.

Libertà75

Ven, 28/02/2020 - 14:23

se siamo un popolo di analfabeti funzionali, lo dobbiamo soprattutto alla sinistra italiana

maurizio-macold

Ven, 28/02/2020 - 15:16

liberta'75 === analfabeta funzionale...... il solito ritornello. Ma nel suo caso l'aggettivo "funzionale" e' del tutto fuori luogo.

batteintesta

Ven, 28/02/2020 - 18:01

Insomma questa destra la deve smettere di seminare odio!!! Così almeno la sinistra può continuare a farlo e meglio!!! Ed elementi di incredibile acutezza come ALSIKAR possono perseverare nel loro strabismo nonché doppiopesismo politico.