Treviso, insetti nel cibo: chiude il negozio abusivo di un nigeriano

Lo straniero, senza licenza, senza corrente elettrica e con merce irregolare sugli scaffali, è stato multato dagli uomini della locale, che hanno decretato la chiusura dell'esercizio commerciale

Cibo confezionato in modo artigianale e senza indicazione del periodo di scadenza, involucri contenenti insetti e assenza di collegamento alla rete elettrica, dopo numerose segnalazioni da parte dei cittadini di Treviso il negozio etnico viene chiuso ed il proprietario subisce una sanzione pecuniaria.

Secondo quanto riferito dalla stampa del posto, che ha riportato alcuni dettagli dell'operazione condotta dalla polizia locale di Treviso, gli uomini in divisa hanno effettuato dei controlli approfonditi su un esercizio commerciale gestito da un 29enne di nazionalità nigeriana. Il negozio, sito in via Ronchese, è stato quindi oggetto del sopralluogo da parte degli uomini del comando di via Castello d'Amore, che in più di un'occasione erano stati contattati da privati cittadini che segnalavano irregolarità e non rispetto delle principali norme di igiene.

Ed in effetti è questa la situazione che gli agenti si sono ritrovati dinanzi agli occhi durante le verifiche effettuate nel negozio di alimentari, risultato alla fine completamente abusivo. Innanzi tutto la mancanza di energia elettrica, poi l'esposizione sugli scaffali di prodotti alimentari di vario genere sopra i quali non era apposta nè una data di riferimento per la scadenza degli stessi, nè tantomeno etichette indicanti informazioni sull'alimento, come ad esempio la provenienza.

Per questo motivo, tutta la merce risultata illegale è stata sottoposta a sequestro da parte degli uomini della polizia locale, i quali hanno redatto poi un verbale per disporre l'immediata chiusura dell'esercizio commerciale abusivo. "Il nucleo commerciale ha elevato a carico del titolare, un cittadino nigeriano di 29 anni, una pesante sanzione da 2500 euro", ha raccontato Andrea Gallo, comandante della polizia locale, come riportato da "Treviso Today". "Il titolare è stato denunciato all'autorità giudiziaria in quanto le numerose violazioni accertate sono risultate di una certa gravità", ha proseguito il comandante. "Alcune confezioni risultavano contenere addirittura insetti".

Il sindaco della Lega Nord Mario Conte ha voluto esprimere la propria soddisfazione per le operazioni condotte con successo negli scorsi giorni dagli uomini in divisa. "Ringrazio la polizia locale per questa importante operazione e i cittadini che hanno segnalato questi esercizi abusivi. Si tratta di attività pericolose che commerciano prodotti senza alcuna certificazione e in condizioni igienico sanitarie precarie.", denuncia il primo cittadino, che ringrazia con orgoglio i propri concittadini e sollecita la loro partecipazione."Questo fenomeno viene e verrà combattuto con la massima attenzione, anche grazie alla collaborazione dei trevigiani", conclude Conte.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Divoll

Sab, 08/02/2020 - 22:15

Ahi, ahi, razzisti! In Nigeria si usa cosi', non lo sapete che i loro costumi saranno i nostri?