Trovare un telefono e tenerselo è pericoloso: si rischia il carcere

L’accusa è quella di ricettazione. L’oggetto, privo di sim, era stato rubato. La pena richiesta: tre mesi di reclusione 300 euro di multa

Attenzione se si trova un telefono per terra e si viene colti dalla malcapitata idea di intascarselo. Anche se il cellulare rinvenuto risulta senza sim. In questo caso è opportuno fare solo una cosa: portarlo subito ai carabinieri o alla polizia. In caso contrario si rischia il carcere e una bella multa salata. Questo è quanto accaduto a un 50enne vercellese che si è visto accusare di ricettazione, arrivando a rischiare ben 3 mesi dietro le sbarre e il pagamento di 300 euro di sanzione.

Il telefono ritrovato in mezzo all'erba

Come raccontato da Infovercelli24, il fatto risale a quattro anni fa, quando l’uomo aveva trovato il telefono per terra, mentre era occupato a tagliare l’erba. Senza dubbio un bel cellulare, bianco e di un modello molto in voga in quegli anni, un Samsung Galaxi. Una volta aperto, il 50enne ha riscontrato che non vi era nessuna sim inserita nell’apparecchio. Questo particolare ha fatto nascere mille dubbi nell’uomo, indeciso se seguire la sua coscienza e consegnarlo alle forze dell’ordine, oppure assecondare il suo desiderio e tenerselo.

Purtroppo a vincere è stata la seconda opzione. Il 50enne si è quindi tenuto lo smartphone senza sapere che ne era stato già denunciato il furto ai carabinieri. Così, una volta messa la propria scheda all’interno e aver acceso il cellulare, per i militari è stato un gioco da ragazzi rintracciarlo. A quel punto l’uomo ha raccontato tutta la storia, confessando la sua colpa. Questo però non gli ha evitato una denuncia. E, lunedì scorso, ben quattro anni dopo, un processo. Il pubblico ministero durante la sua arringa finale ha chiesto una condanna a tre mesi e il pagamento di trecento euro di multa, perché provato il reato contestato.

Non vi era dentro nessuna sim

Durante il processo è stato ascoltato un testimone, nonché collega dell’imputato. Che ha così raccontato il momento del ritrovamento: “Stavamo tagliando l'erba quando il mio collega ha visto in terra, vicino a un muretto dove si fermano sempre gli studenti, un cellulare. Era bianco, senza alcun segno particolare né botte né crepe”. Il telefono è stato quindi raccolto e messo nel furgone, dove è rimasto fino a sera. Poi il 50enne ha aperto il dispositivo constatando che non vi era alcuna sim al suo interno. Da quel momento il teste ha detto di non aver saputo più nulla dell’oggetto. Il legale della difesa si è detto certo della buonafede del suo cliente e, proprio per questo motivo, ne ha chiesta l’assoluzione. Un comportamento assolutamente sbagliato e superficiale ma, secondo l’avvocato, senza frode.

Rischia carcere e multa

Di tutt’altra idea però l’accusa che ha voluto sottolineare che “già solo il fatto di aver trovato il cellulare senza sim era un elemento che doveva far sorgere domande inequivocabili sull'origine del bene. Chi è che smarrisce uno smartphone privo di sim?”. Ora spetterà al giudice mettere fine alla questione. Di sicuro c’è che, qualora si trovi un qualsiasi oggetto smarrito, nel dubbio, lo si porti ai carabinieri o alla polizia. In questo modo non si rischierà nulla, tantomeno il carcere e la multa.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

dagoleo

Ven, 07/02/2020 - 12:32

mi sembra giusto, almeno si metterà fine alla ricettazione di prodotti rubati e rivenduti sul mercato nero.

polonio210

Ven, 07/02/2020 - 12:32

Alcuni anni fa mentre comminavamo lungo un marciapiede di Milano,mia moglie io e mio figli di 3 anni,vidi una borsa da donne buttata a terra.La raccolsi ed aperta la cerniera notai che conteneva un portafoglio portadocumenti che non aprii.Ci recammo al Commissariato 1 in Piazza S.Sepolcro a consegnare la borsa.Per farla breve:una attesa di circa 40 minuti prima di essere ricevuti,poi oltre mezzora di domande poste in modo inurbano tipo:conosce la proprietaria?Perchè l'ha raccolta?Che lavoro fa?Quella è sua moglie e quello è suo figlio?Cosa faceva a Milano?Ha aperto il portafoglio e ha preso dei soldi?Alla fine congedati come se ci avessero fatto un piacere a non arrestarci.Se vedo qualcosa per terra tiro dritto e me ne frego.

roberto67

Ven, 07/02/2020 - 14:20

polonio210, anch'io ho trovato una borsa abbandonata, in un parcheggio. L'ho aperta senza metterci dentro le mani e ho visto molti oggetti personali. Ho chiamato i Carabinieri, chiedendo di venire a prenderla, ma erano già occupati all'esterno (ed effettivamente avevo visto la loro macchina passare pochi minuti prima). Ho quindi portato la borsa in caserma. Dieci minuti di attesa, un quarto d'ora per fare il verbale, ho dichiarato di non aver frugato nella borsa: non avrebbero trovato mie impronte digitali. Mi hanno ringraziato e, quando la proprietaria è venuta a ritirarla, mi hanno telefonato perché anche lei voleva ringraziarmi. Insomma, dipende da chi ci si trova davanti. Gli oggetti rinvenuti possono anche essere consegnati alla polizia locale, a volte è un sistema più rapido.

Ritratto di bimbo

bimbo

Ven, 07/02/2020 - 15:57

Cosa trovata cosa mezza rubata.. Ma! E' anche vero che chi riconsegna rischia di dover ripagare se rotto o altro… hihihihihihihihihihi