Uccide il marito con 30 coltellate, poi l'uomo va al bar con gli amici

Il delitto si sarebbe consumato nella notte tra lunedì e martedì. Il sospetto omicida avrebbe ucciso il coniuge con 30 coltellate al corpo

Debiti, gelosie e sospetti tradimenti. Sarebbero queste le ragioni che avrebbero spinto Luca Meloni, un 43enne originario di Cagliari ma residente a Casale Monferrato, ad uccidere con ben 40 coltellate il marito, Fabio Spiga, suo coetaneo. Secondo le informazioni che trapelano dalle indagini della polizia, coordinate dal magistrato competente del territorio di Alessandria Davide Pretti, l'assassinio si sarebbe consumato due giorni fa ma soltanto nelle prime ore della mattinata di mercoledì 28 ottobre il presunto omicida avrebbe confessato la responsabilità del crimine. ''Venite, ho ucciso mio marito'', ha raccontato nel corso di una telefonata alla polizia.

Fabio, ucciso con 30 coltellate

Secondo una prima ricostruzione dell'accaduto, riportata dal Corriere della Sera, i fatti risalirebbero alla notte tra lunedì 26 e martedì 27 ottobre in un appartamento in via della Caccia 104, a Casale Monferrato. Nel corso della serata di lunedì, tra i due coniugi, sposati con rito civile nel 2017, sarebbe esplosa una lite furibonda per incomprensioni di varia natura (debiti e gelosie). Nel tentativo di ristabilire la calma, Luca Meloni, successivamente reo confesso, si sarebbe allontanato da casa per qualche ora. Ma al rientro, dopo una breve sosta in un bar, gli animi tra i due sarebbero stati ancora infuocati tanto che la discussione avrebbe ripreso a pieno a ritmo sfociando poi in un truce delitto. Nel corso di una colluttazione, Luca avrebbe afferrato un coltello da cucina e, sulla scia di una furia cieca, avrebbe affondato la lama al corpo del marito per ben 30 volte lasciandolo senza vita in una pozza di sangue nella camera da letto.

La telefonata alla polizia: ''Sono stato io''

Dopo aver commesso il misfatto, il presunto autore dell'azione omicidiaria avrebbe incontrato alcuni amici salvo poi decidere di trascorrere la notte a casa di questi. Sarebbe stato solo al mattino successivo che, in preda alla disperazione, avrebbe fatto una richiesta di intervento nella palazzina di via della Caccia 104 per un assassinio. ''Venite, ho ucciso mio marito'', avrebbe riferito agli agenti di polizia. A seguito del sopralluogo nell'appartamento, con relativo accertamento del cadavere, Meloni sarebbe stato trattenuto in questura e sottoposto ad interrogatorio. Al momento, non sono stati riferiti dettagli circa la presunta confessione. Le indagini del caso sono affidate al magistrato competente del territorio di Alessandria Davide Pretti.

Chi era la vittima

La vittima era dipendente del supermercato Eurospin di Casale, dove era diventato responsabile delle vendite. Aveva lavorato un anno in Inghilterra e parlava molto bene l’inglese. Appassionato d’arte, aveva fatto il liceo artistico e frequentato per qualche anno l’Università. I conoscenti lo descrivono come una persona colta. Sconvolti per quanto accaduto i suoi colleghi come i compagni di scuola. ''Voglio ricordarti così Fabietto, spensierato e sorridente'' scrive su Facebook Giorgia Rea postando una foto di gruppo di una recente rimpatriata con gli ex compagni. ''Non mi sembra vero, penso alla scuola, al treno a tutte le volte che studiavamo insieme a casa tua. Una tragedia'', commenta Licia Lagomarsino.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ondalunga

Gio, 29/10/2020 - 11:43

Dovranno coniare un termine nuovo tipo "omocidio" ? Guardate che non sto nè insultando nessuno nè scherzando, sono serio.

ruggerobarretti

Gio, 29/10/2020 - 12:04

ondalunga: lo sai che mi stavo ponendo la stessa domanda.

venco

Gio, 29/10/2020 - 12:26

Regolamenti fra perversi.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 29/10/2020 - 13:02

non ha battuto il record di Giulio Cesare...

poli

Gio, 29/10/2020 - 13:36

francesco che dice?

Dordolio

Gio, 29/10/2020 - 13:50

Mi associo senza riserve ai dubbi di ondalunga e ruggerobarretti. Voglio poi vedere la fattispecie del crimine dal punto di vista legale e penale: uxoricidio? Ma veramente? Sarà un processo da seguire. Si potrà quindi capire chi è la marita e chi il moglio (forse)... così tanto per sapere e per ammodernarsi nel ragionamento e nel lessico, come è opportuno.

Ritratto di ierofante

ierofante

Gio, 29/10/2020 - 13:55

Qualcuno , di cui non rammento il nome, ha scritto che l'animo umano può raggiungere livelli di volgarità e bassezza inimmaginabili. Voi che mi avete preceduto nei commenti, ne siete la dimostrazione pratica, l'esempio vivente.

cgf

Gio, 29/10/2020 - 14:01

Luca ha ucciso il marito Fabio, a parti invertite sarebbe stato un femminicidio ugualmente?

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Gio, 29/10/2020 - 14:18

Come dice il proverbio : Tra MARITO e MARITO non mettere il dito.

GPTalamo

Gio, 29/10/2020 - 14:29

Eh, se ne vedono di tutti i colori... forse e' per questo che le chiamano famiglie arcobaleno.

Ritratto di emmepi1

emmepi1

Gio, 29/10/2020 - 14:58

non mi è chiaro come distinguere il marito e la moglie in una coppia gay. qualcuno può aiutarmi?

Werekoala

Gio, 29/10/2020 - 15:24

Ha ragione ierofante. Battute banali, volgari, prive di un minimo di empatia. Incommentabili tutti quanti.

maxcz333

Gio, 29/10/2020 - 15:24

In Italia non esiste il matrimonio tra persone dello stesso sesso. I termini marito e moglie devono essere usati soltanto per designare le persone, di sesso diverso, unite in matrimonio. Chi ha scelto l'unione civile, che si tratti di persone di sesso diverso o di omosessuali, non deve essere denominato come marito o moglie. Non facciamo confusione...

filger

Gio, 29/10/2020 - 15:25

amore omocriminale...

Popi46

Gio, 29/10/2020 - 15:48

Chiamatelo convivente,amante,dolce metà,sogno realizzato, o quant’altro ancora, ma NON marito.... Si abbia almeno un minimo di rispetto per l’Accademia della Crusca (che non se magna...)

Ritratto di emmepi1

emmepi1

Gio, 29/10/2020 - 16:09

sig. Werekoalae sig. ierofante non sarebbe più logico e non ridicolo definire compagno e non certo, per un uomo, definire il partner marito? nulla in contrario se vogliono unirsi in unione civile ma , per carità, ripeto, diventano ridicoli definirsi marito e moglie o marito e marito.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 29/10/2020 - 16:15

@ierofante - sbagliato , i oche vengo dopo, posso dire che li hai battuti tutti. Potevi evitare.

Dordolio

Gio, 29/10/2020 - 16:34

Ierofante, i commenti per questa faccenda avrebbero potuto essere più precisi e pugnaci. Ma le attuali leggi speciali non lo consentono. Lei certo capirà...

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Gio, 29/10/2020 - 17:27

@ondalunga Gia' il termine "femminicidio" e' ributtante , figurarsi "omocidio". L'assassinio di una persona e' sempre e solo un OMICIDIO.

cgf

Gio, 29/10/2020 - 17:50

Ma se proprio lui ha detto ho ucciso mio marito, e forse sono sposati per davvero, perché dovrebbe essere compagno e/o offendersi l'accademia della Crusca, la quale legalmente non è nemmeno chi dovrebbe tutelare la Lingua Italiana.

rudyger

Gio, 29/10/2020 - 18:52

Dato che per legge hanno inventato il termine "femminicidio", il termine esatto dovrebbe essere "MASCHICIDIO". In questo modo sparisce l'OMICIDIO. L'Italia, paese della cultura!