Il ferro da stiro, l'auto d'oro, le minacce. Le torture del broker sulla modella

L'uomo, un milionario che vive a Londra, è stato condannato per lesioni personali e maltrattamenti. Alla ragazza diceva: "Ti faccio uccidere e struprare per sfregio"

Il ferro da stiro, l'auto d'oro, le minacce. Le torture del broker sulla modella

Quando gli agenti erano intervenuti per bloccarlo, a seguito dell'ennesimo tentativo di aggressione alla fidanzata, il broker milionario ha risposto con spavalderia: "Non mi fate paura. Tanto in questo Paese (l'Italia ndr) posso comprarmi chi voglio". Fatto sta che, lo scorso martedì, il tribunale di Rimini lo ha condannato a 4 anni e otto mesi di reclusione per maltrattamenti e lesioni nei confronti dell'ex compagna, una modella italiana di 27 anni. "La mia cliente ha ritrovato nella sentenza un po' della serenità che aveva smarrito. - ha raccontato il legale della vittima, Umberto De Gregorio, al Corriere della Sera - Giustizia è stata fatta ed è contenta perché finalmente anche il giudice ha creduto che nulla fosse frutto di sue esagerazioni o esasperazioni.".

La storia

Tutto comincia nel 2019. Valentina, un'aspirante modella di 24 anni, decide di trasfersi da Rimini a Milano per lavoro. Nella città meneghina conosce Aiaz Hussain Shah, 38 anni. Lui le racconta di lavorare come broker, a Londra, prospettandole un futuro radioso insieme. I due si fidanzano e la 24enne decide di trasferisi col nuovo compagno nella Capitale inglese. Per i primi tempi, tutto sembra filare liscio. Se non fosse che, a poche settimane dall'inizio della convivenza, Shah cambia atteggiamento. Valentina precipita in un vortice di vessazioni e violenze, anche psicologiche, da cui riesce a venirne fuori solo dopo due anni.

L'escalation di violenza

Il periodo peggiore è quello della pandemia. Un giorno - racconta il Corriere - il broker minaccia la fidanzata con un coltello: con una mano le punta contro la lama, nell'altra tiene lo smartphone per immortale la scena. Durante il lockdown, quello della primavera di due anni fa, la situazione precipita. "Ti faccio uccidere, ti faccio stuprare per sfregio. Poi, coi soldi che ho mi compro tutti gli avvocati che voglio così nessuno potrà mai farmi niente e continuerò a fare la mia vita", dice Shah alla fidanzata. Non è tutto. A novembre del 2020, la coppia litiga furentemente. Il 38enne afferra un ferro da stiro rovente e lo appoggia sul braccio della ragazza provocandole un'ustione. Nei giorni successivi, le sferra dei pugni proprio sulla ferita. Valentina cade a terra dolorante. Quando si riprende, prova a dileguarsi ma lui minaccia di investirla con la Lamborghini. A dicembre, l'aspirante modella decide di far ritorno a Rimini. Lui non dermorde e si presenta con l'auto color oro sotto casa della ragazza. Per fortuna, l'intervento propiziatorio dell'avvocato De Grogorio, che allerta la polizia, riesce ad evitare il peggio. Per la giovane è la fine di un incubo. Ma non completamente perché, nonostante la condanna, Shah è ancora a piede libero.

Commenti